Telecom sospende Tim Prime dopo la diffida dell’Agcom

0
1331

 

Telecom ha comunicato di aver sospeso l’applicazione del nuovo profilo tariffario Tim Prime, oggetto di diffida da parte dell’Agcom.  La decisione di Telecom è spiegata dall’obiettivo “primario di mantenere il rapporto di assoluta trasparenza con i propri clienti e di assicurare un confronto aperto, sereno e costruttivo con le autorità”.  Tim Prime si sarebbe dovuta attivare automaticamente dal 10 aprile con una tariffa prepagata.  Il provvedimento dell’Autorità nasce  a causa della natura opt-out del sistema, che quindi prevede l’accettazione automatica da parte del cliente senza la necessità di un consenso diretto all’offerta.  Le promozioni opt-out non sono bandite in via generale, ma l’aggravio di oltre 2 euro al mese sul credito di milioni di utenti ha spinto l’Agcom a dichiarare insostenibile il sistema. Per il presidente dell’Aurorità, Angelo Marcello Cardani, “Tim Prime non rappresenta una modifica del prezzo o delle caratteristiche dei servizi per i quali l’utente ha fornito il proprio consenso contrattuale, bensì una vera e propria introduzione di prestazioni (e costi) nuovi e mai richiesti dall’utente”.  L’offerta proposta   è stata ritenuta dal Garante  non configurabile come una modifica unilaterale di contratto conforme all’articolo 70, comma 4, del Codice delle comunicazioni elettroniche.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome