LA STAMPA ITALIANA SOTTO ESAME: UNO STUDIO DI BLOGMETER ANALIZZA LA DIFFUSIONE DELLE GRANDI TESTATE IN RETE

0
409

Blogmeter arriva a Perugia, in occasione del Festival del Giornalismo in corso in questi giorni.
BlogMeter è composto da una squadra di specialisti che operano nel settore della Internet intelligence, cioè monitorano la rete ed in particolare i social media.
Lo studio presentato a Perugia è stato curato da Vincenzo Cosenza, protagonista dell’apertura del primo Osservatorio Facebook italiano e della creazione della Mappa Mondiale dei Social Network.
Lo studio e rivolto ad indagare i rapporti tra media e social network, in particolare le testate giornalistiche che hanno reso fruibili i propri contenuti sulle piattaforme sociali come «Facebook»,«Twitter», «Pinterest» e tanti altri.
Il lavoro è stato piuttosto impegnativo ed ha interessato un numero di 56 quotidiani, 33 settimanali e 72 mensili per un periodo di 30 giorni, dal 20 Marzo al 18 Aprile 2012.
Il tutto ha portato all’analisi di circa 2 mln di interazioni (dato relativo al solo Facebook).
È emerso che tuttavia sono ancora poche le testate che sfruttano la rete come mezzo d’informazione, nonostante la loro massiccia presenza sui social network (il 63% delle testate è presente su Facebook).
Ciò che manca è un utilizzo attivo e costruttivo della piattaforma sociale, sebbene sia possibile evidenziare alcuni quotidiani promossi a pieni voti dalla ricerca.
La classifica si basa su diversi criteri che sono il numero di fan della pagina, il numero di «Like», apprezzamenti e commenti.
Nella classifica per totale engagement (impegno totale) spiccano «Il fatto Quotidiano», «Il Corriere della sera», «La Repubblica» e «Leggo».
In particolare Repubblica è leader della engagement per singolo post mentre Leggo lo è per numero di fan.
Fanalino di coda sono invece i settimanali e mensili, presenti rispettivamente con un 48% ed un 51%.
Un buon risultato si regista comunque per «L’Espresso» con una presenza attiva su Facebook e Pinterest, che si è arricchito di nuovi contributi grazie ai blog dei giornalisti Tommaso Cerno e Stefano Livadiotti.
Dallo studio emerge che la strada è ancora in salita ma alcuni importanti passi sono stati già compiuti verso le nuove future forme di fare giornalismo.
Arianna Esposito

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome