Fratelli d’Italia: “Digitalizzazione in filiera editoria nel Pnrr”

0
351

Fratelli d’Italia esulta. Via libera all’ordine del giorno che garantirà interventi per la digitalizzazione della filiera editoriale nel Pnrr. Il governo si è impegnato e l’opposizione applaude all’impegno assunto dall’esecutivo guidato da Mario Draghi.

Fratelli d’Italia: “Ora governo ha indirizzo chiaro”

In una nota, il deputato Federico Mollicone ha affermato. “Grazie a un ordine del giorno di Fratelli d’Italia ora il governo ha il chiaro indirizzo di includere misure a sostegno della digitalizzazione dell’editoria nel Pnrr. Sviluppando interventi specifici nella linea Transizione 4.0”. Mollicone ha proseguito. “L’editoria nazionale è in crisi. Sono a rischio il pluralismo e innumerevoli posti di lavoro. È necessario garantire, all’interno dei progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Interventi per il settore editoriale volti al sostegno alla transizione al digitale. Con contributi sulle spese  per la multimedialità, per la gestione delle piattaforme, per la formazione digitale, per il miglioramento dell’efficienza aziendale”.

Mollicone: “Introdurre credito di imposta per la carta”

L’esponente di Fratelli d’Italia ha aggiunto. “Misure per favorire il ricambio generazionale, la consegna a domicilio delle pubblicazioni, con un piano sinergico fra editori, distributori, operatori postali e edicolanti per la creazione di una rete logistica efficiente ed economicamente sostenibile. L’informatizzazione e la modernizzazione delle edicole. Con una Rete digitale tra editori, distributori e punti vendita per l’offerta di servizi aggiuntivi al mercato e per l’implementazione dei servizi delle Pubbliche amministrazioni. Il governo ora passi ai fatti”. Quindi ha concluso. “Infine, in commissione Cultura è stato introdotto e nelle osservazioni al Dl Sostegni bis, uno specifico riferimento alla necessità di introdurre il credito d’imposta per la carta. In sede parlamentare, la commissione Bilancio voti i nostri emendamenti in tal senso”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome