Enel Open Fiber prende contatti con l’Agcom

0
714

Enel Open Fiber, la newco per la fibra ottica creata dal gigante dell’elettricità a fine dicembre, ha chiesto un’audizione all’Agcom. La società, guidata da Tommaso Pompei, nasce per portare la banda larga nelle aree a fallimento di mercato. Enel Open Fiber si occuperà della manutenzione delle infrastrutture. La fibra sarà poi affittata agli operatori, che renderanno effettivi i servizi. Enel si e’ candidata ad avere un ruolo per lo sviluppo della banda ultra larga in Italia nell’ambito del piano di sostituzione dei contatori elettrici. La società prevede di sostituire ben 30.000 contatori nei prossimi dieci anni. Si è sempre parlato di un intervento di Enel nel cluster D, che in base al piano del governo Renzi rappresenta le zone a rischio di fallimento di mercato. Il gigante dell’elettricità assicura una vasta capillarità sul territorio. Sembra tramontare l’ipotesi di una joint venture, alla quale avrebbero partecipato Wind e Vodafone. Infratel, società in house del Ministero per lo Sviluppo Economico, resterà proprietaria della rete la cui costruzione verrà messa in gara.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome