Alimentari e intermediazione di servizi, a Milano la rivoluzione delle edicole

0
500

Il futuro delle edicole è tutto da scrivere. Eppure da qualche parte bisognerà iniziare. Così a Milan, l’idea che si fa strada è quella di rendere i chioschi dei giornali dei piccoli hub di prossimità dedicati a ogni genere di servizi utili al cittadino che potranno proporre in vendita ai cittadini anche alimentari di prima necessità.

Il progetto è promosso dal gruppo Milano Card che ha messo sul piatto un milione di euro per acquisire una dozzina di edicole e riadattarle al nuovo scopo delineato nel progetto che è stato chiamato “Quotidiana”. La prima che aprirà al pubblico sarà in viale Bligny. Questo, però, appare solo come un primo passo. Perché sarà importante verificare la risposta del pubblico all’iniziativa. Da qui, poi, potrebbe ampliarsi l’investimento fino all’acquisizioni di nuove edicole milanesi e, perché no, all’esportazione del modello nel resto del Paese.

Le edicole del “futuro” secondo “Quotidiana” dovranno mettere a disposizione dei clienti, oltre ai giornali, anche generi alimentari – pochi e selezionati, da proporre a prezzo concorrenziale – insieme alla possibilità di accedere a tutta una gamma di servizi locali, dall’intermediazione per il babysitting fino a quello per le piccole riparazioni domestiche. Spazio, ovviamente, anche al cinema e alla cultura.

Una via interessante per scongiurare l’unico, grande e attuale pericolo che vivono le edicole nel nostro Paese: l’estinzione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome