Sciopero a oltranza alla Gazzetta del Mezzogiorno e ora spunta Berlusconi

0
335

La Gazzetta del Mezzogiorno è all’atto finale. I giornalisti, che non prendono uno stipendio vero dal mese di novembre, si asterranno dal lavoro fino a che l’amministrazione del quotidiana – designata dal tribunale di Catania – non farà chiarezza sul destino della storica e prestigiosa testata pugliese e lucana.

Dopo mesi di incertezza, culminati in appelli ai lettori che hanno riscosso solidarietà e vicinanza espresse, nei fatti, con l’acquisto di copie in più nelle edicole, continuano a mancare i pagamenti ai cronisti e alle maestranze. L’amministrazione, nelle scorse settimane, ha preferito regolare i conti con i fornitori anziché corrispondere il dovuto ai lavoratori. Un fatto che ha fatto infuriare i giornalisti che, dopo uno sciopero, adesso hanno deciso di astenersi dal lavoro fino a che non verrà finalmente fatta chiarezza sul destino loro.

Intanto, a latere della visita a Matera, l’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi ha espresso parole di solidarietà ai giornalisti della Gazzetta che, in una nota del comitato del redazione, a lui aveva chiesto aiuto: “Sono pronto a mettere a disposizione la mia esperienza – ha dichiarato l’ex premier – non mi è stata presentata richiesta ma se verrà sarò lieto di vedere di dare una mano”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome