Par Condicio in periodo non elettorale. Tutte le novità per gli operatori del settore

0
1051

La normativa sulla par condicio promuove e disciplina l’accesso ai mezzi di informazione per la comunicazione politica, al fine di garantire la parità di trattamento e l’imparzialità rispetto a tutti i soggetti politici, sia in ambito nazionale, che locale. Pertanto la carta stampata, nonché le emittenti radiofoniche e televisive – nazionali e locali – devono garantire il pluralismo, attraverso la parità di trattamento, l’obiettività, l’imparzialità e l’equità sia nei programmi di informazione che nei programmi di comunicazione politica.
Le leggi che regolano la Par Concicio sono numerose, approvate tra il 1993 e il 2006 e gli organi preposti che hanno il compito di farle rispettare sono: l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni  e la Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.
Per quanto riguarda il periodo non elettorale la normativa fa riferimento alla Delibera Agcom 200/00/CSP, e alla delibera n. 22/06/CSP, nonché ad interventi della commissione di Vigilanza. Quest’ultima, con Provvedimento 18 dicembre 2002, oltre a dettare specifiche regole per la comunicazione politica, ha stabilito all’art. 11 (sotto la dicitura “Informazione”) che “ogni direttore responsabile di testata è tenuto ad assicurare che i programmi di informazione a contenuto politico parlamentare attuino un’equa rappresentazione di tutte le opinioni politiche assicurando la parità di condizioni nell’esposizione di opinioni politiche presenti nel Parlamento nazionale e nel Parlamento europeo”. Il senso è chiaro. Il conduttore di un programma di approfondimento informativo, laddove verte su fatti politicamente rilevanti, è sostanzialmente costretto ad invitare politici di ogni schieramento. La Delibera n. 22/06, dopo aver premesso che “l’attività di informazione televisiva […] deve garantire […] l’accesso di tutti i soggetti politici alle trasmissione di informazione e di propaganda elettorale e politica in condizioni di parità di trattamento e imparzialità” (quindi riportando fedelmente quanto già stabilito dalla “legge Gasparri” e dal Testo Unico), all’art. 1, comma 2°, impone “l’equilibrio delle presenze” nei programmi di informazione e di approfondimento. Dunque, mentre la L. n. 28/2000 pone sì vincoli ai programmi di informazione, ma soltanto in campagna elettorale e comunque mai consistenti in una applicazione della par condicio, sotto la vigenza di tale legge la Commissione di Vigilanza e l’Authority, operando una evidente forzatura del dato normativo, hanno esteso le regole della par condicio all’informazione addirittura in periodo non elettorale. Obiettività, completezza, imparzialità non bastano più nei programmi di informazione. Occorre sempre il “rigoroso rispetto” della “pluralità dei punti di vista e la necessità del contraddittorio” persino nei telegiornali, nonostante l’art. 1, comma 2°, L. n. 28/2000 vieti espressamente l’applicazione delle disposizioni sui programmi di comunicazione politica “alla diffusione di notizie nei programmi di informazione”. Tra l’altro, la stessa L. n. 28/2000, tuttora in vigore, mostra chiaramente come la comunicazione politica vada concentrata soprattutto in campagna elettorale. Secondo l’art. 5, comma 4°, nel periodo che va dalla convocazione dei comizi elettorali alla chiusura delle operazioni di voto, “nelle trasmissioni informative riconducibili alla responsabilità di una specifica testata giornalistica […] la presenza di candidati, esponenti di partiti e movimenti politici, membri del Governo, delle giunte e consigli regionali e degli enti locali deve essere limitata esclusivamente all’esigenza di assicurare la completezza e l’imparzialità dell’informazione”, presenze tassativamente vietate “in tutte le altre trasmissioni”. Ciò significa che in campagna elettorale le apparizioni televisive dei politici vanno viste prevalentemente in un’ottica di comunicazione politica. Da quest’ultima norma emerge che la legge privilegia la comunicazione politica rispetto all’informazione soltanto nel periodo di campagna elettorale. In periodo non elettorale, deve essere l’informazione a prevalere sulla comunicazione politica. La conclusione è logica. In periodo non elettorale, la collettività va informata compiutamente sui fatti, sui risultati della politica. Durante la campagna elettorale, invece, deve darsi a ciascuna forza politica la possibilità di “fare un proprio bilancio” di quanto accaduto e appreso dalla collettività attraverso l’informazione; e cercare di convincere l’elettorato a “tirare le somme” secondo le valutazioni di ciascuna forza politica.
Nel 2013, l’Autorità ha approvato la bozza di un nuovo regolamento della par condicio nei periodi non elettorali. Il tentativo è quello di fissare, per la prima volta, delle regole più certe. Per quanto riguarda i telegiornali, la bozza prevede alcune novità:
1) valutazione quadrimestrale del pluralismo politico;
2) ricorso prioritario al tempo di parola;
3) criterio del consenso elettorale anziché della rappresentanza parlamentare.
La Commissione di vigilanza Rai ha svolto diverse audizioni per approfondire il tema, in vista dell’adozione di un regolamento analogo per i notiziari della RAI. Per i talk show la bozza prevede in sostanza gli stessi criteri quantitativi dei telegiornali. Inoltre, anche se soltanto in via subordinata, compaiono per la prima volta dei criteri qualitativi, che in ordine decrescente di importanza sono: struttura del programma; partecipazione diretta di un soggetto politico oppure intervento registrato; periodicità del programma; numero complessivo di puntate; modalità di conduzione.

Per ulteriori approfondimenti si invita alla lettura delle circolari  sul portale editoria.tv

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome