Le cooperative a Torino, il ruolo decisivo nell’editoria e cultura

0
167

L’impegno delle Cooperative passa dal rilancio dell’editoria e della cultura del Paese. L’associazione generale delle Cooperative, in occasione del Salone internazionale del Libro a Torino di quest’anno, ha promosso un programma di eventi e iniziative finalizzato a “mettere in luce il ruolo centrale della cultura cooperativa nel panorama editoriale e culturale del Paese”. Tutt’altro che frasi fatte, la forma cooperativa, infatti, rappresenta una delle soluzioni e strutture più utilizzate ed efficaci per portare avanti imprese che operano proprio nei campi, delicatissimi e strategici, dell’editoria e della cultura in Italia.

Sono tante le cooperative editrici che espongono al pubblico decine e decine di propri volumi, offrendo al pubblico un’ampia varietà di proposte editoriali. Ma, spiegano da Agci, non è solo una questione di libri: molte altre cooperative sono coinvolte negli eventi che si stanno svolgendo nel corso della manifestazione, dimostrando come la cultura cooperativa sia profondamente radicata nel tessuto sociale e economico del nostro paese. I numeri, su questo, non mentono. Anzi, raccontano una realtà importante. Su scala nazionale, difatti, esistono più di 3mila imprese sottoforma di cooperative nel settore culturale e ovviamente nell’editoria. Il loro fatturato complessivo ammonta a circa 2,5 miliardi di euro e danno lavoro a più di 50mila persone.

La presenza attiva delle cooperative all’interno della manifestazione torinese ha sottolineato, una volta ancora, il ruolo cruciale della cultura come elemento universale e trasversale che coinvolge diverse comunità e settori.

Per questo la presenza, anche al Salone del libro di Torino, di una forte e qualificata rappresentanza cooperativa ribadisce la centralità del fenomeno che, lungi dall’essere solo (per quanto importante sia) economico ha raggiunto una importanza anche culturale nel nostro Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome