Inpgi, insorge la minoranza: “Imposti sacrifici inutili ai giornalisti”

0
376

La minoranza interna al consiglio d’amministrazione Inpgi boccia, categoricamente, le misure approvate per tentare di dare una sterzata ai conti disastrati dell’istituto. Per Carlo Parisi, Elena Polidori e Daniela Stigliano, le scelte assunte finiranno solo ed esclusivamente per pesare sulle tasche dei giornalisti. Senza apportare alcun beneficio al bilancio, già disastrato, dell’Inpgi.

“Inpgi metterà le mani nelle tasche dei colleghi”

Una lunga e dura nota illustra la posizione dei consiglieri di minoranza Inpgi. “Contributo straordinario per i giornalisti attivi e pensionati, tagli pesanti alle pensioni di anzianità, regole sul cumulo ancora più penalizzanti, stop ad assegni di superinvalidità. Contributi per i ricoveri in casa di riposo e sussidi, e anche l’utilizzo del patrimonio dei colleghi lavoratori autonomi per fare cassa con gli immobili del Fondo Amendola altrimenti invendibili. Ma nessun peso sugli editori.  E una limatura irrisoria ai contributi al sindacato”. Strumenti inadeguati secondo Parisi, Stigliano e Polidori: “La maggioranza che guida l’Inpgi (e la Fnsi) mette ancora una volta le mani in tasca ai giornalisti italianii. Con una nuova manovra, la terza in cinque anni, inutile come le precedenti a mettere in salvo le nostre pensioni. Tanto che, nonostante le misure approvate dal Cda (con 10 voti a favore e i nostri 3 contro), il nuovo bilancio attuariale anticipa di due anni il default dell’Istituto, con l’azzeramento del patrimonio a fine 2025 invece che a fine 2027”.

Cosa cambia

La minoranza parla apertamente di misure inique e penalizzati per i giornalisti. E le riporta: “Aumento dell’1% per 5 anni della contribuzione previdenziale versata dai giornalisti attivi (pari a un’entrata di 10 milioni l’anno), che porta la contribuzione complessiva sopra a quella che versano all’Inps tutti gli altri lavoratori dipendenti italiani. La possibilità di reiterare per altri 5 anni questo aumento, previsto nella delibera di gennaio, è per ora scomparsa”. E dunque: “Contributo straordinario sempre dell’1% per i pensionati, uguale per tutti (5,5 milioni l’anno). Nonostante la diffida presentata da mille colleghi perché reitera un prelievo già sostenuto per 3 anni e che la Corte Costituzionale ha dichiarato non possibile”. Ma non è tutto: “Abbassamento del limite di reddito cumulabile con la pensione di anzianità a 5 mila euro lordi l’anno rispetto agli attuali 22.524,13 euro (maggiori entrate per 1,5 milioni l’anno). Con un nuovo e più penalizzante sistema di calcolo del taglio della pensione. Il tetto attuale rimarrà solo per chi ha una pensione non superiore alla retribuzione minima del redattore ordinario del contratto Fieg (circa 38 mila euro)”.

“Condizioni peggiorative rispetto all’Inps”

Cambiano, inoltre, anche i requisiti per andare in pensione. Secondo gli esponenti della minoranza Inpgi, infatti: “La sospensione immediata delle prestazioni facoltative: assegno di superinvalidità (tagli di circa 1 milione l’anno a regime); ricovero in case di riposo (circa 174 mila euro); sussidi (28 mila euro). La reintroduzione degli abbattimenti per le pensioni di anzianità, ma con riferimento alla norma della legge Fornero. Che permette agli iscritti all’Inps di andare in pensione a qualsiasi età con 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. I giornalisti dovrebbero, invece, raggiungere comunque i 62 anni e 5 mesi e subirebbero una riduzione della pensione dello 0,25% per ogni mese mancante rispetto al requisito Inps”. Che comporta una situazione del tipo: “Per esempio, con 40 anni e 5 mesi di contributi, requisito oggi previsto dall’Inpgi, le donne subirebbero un taglio del 4,25%. Gli uomini perderebbero il 7,25% dell’assegno. Per un risparmio totale di 255 mila euro nel 2021”.

Il caso dei contributi alle associazioni regionali e sindacali

La questione, sempre aperta, dei contributi erogati dall’Inpgi alle associazioni regionali e sindacali dei giornalisti. Torna a tenere banco. E la minoranza Inpgi incalza: “Un’altra delibera ha varato il leggerissimo taglio del 5% dei soldi riconosciuti alla Fnsi e alle Associazioni regionali di stampa, che ricevono contributi per 2,471 milioni di euro. Noi l’abbiamo approvata pur sottolineando che la riduzione dell’importo resta insoddisfacente. E che ci aspettiamo il Sindacato partecipi maggiormente ai sacrifici imposti ai giornalisti con tagli più consistenti. La riduzione del 10% dei compensi per gli Organi sociali (per noi comunque irrisoria), del valore di 120 mila euro l’anno, era invece già scattata da maggio. Mentre la maggioranza ha rinviato a un tempo non definito l’intervento di tagli dei costi della struttura”.

“Gli editori non pagheranno nulla”

Pagheranno solo i giornalisti, per Parisi, Stigliano e Polidori. “Ma soprattutto non pagheranno alcun prezzo gli editori. Che pure per anni hanno versato contributi molto inferiori rispetto a quanto richiesto dall’Inps. E che sono responsabili di aver attinto a piene mani dalle casse dell’Inpgi, per rispondere alla crisi con un uso disinvolto e spesso ingiustificato degli ammortizzatori sociali e dei prepensionamenti”. E dunque: “A conti fatti, il risparmio sulla pelle dei soli giornalisti non arriva neppure a 19 milioni l’anno. Una goccia nel mare rosso dei conti dell’Inpgi. Che perde 663 mila euro al giorno e ha chiuso il bilancio 2020 a -242,2 milioni di euro. E che rischia di avere ancora pochi mesi di respiro senza iniezione di liquidità fresca”.

Il futuro del patrimonio immobiliare

Infine la rovente questione inerente il patrimonio immobiliare. Per Carlo Parisi, Daniela Stigliano e Elena Polidori: “Ed è evidentemente per questo che il cda ha approvato, sempre a maggioranza con il nostro voto contrario, un’operazione di trasferimento di alcuni immobili del Fondo Amendola al fondo ex Hines. Che diventerà una Sicaf controllata al 51% dall’Inpgi 2 e al 49% dall’Inpgi 1. Uno stratagemma per vendere a un prezzo superiore a quello che il mercato. Secondo le affermazioni dei tecnici dell’Istituto, sarebbe disposto ad acquistare solo a valori ben inferiori alla valutazione dell’apporto”. E quindi: “Il patrimonio dei giornalisti collaboratori e lavoratori autonomi, che la maggioranza voleva in un primo momento unire a quello della Gestione principale (con l’alto rischio di prosciugare), verrà in questo modo comunque usato per pagare le pensioni dell’Inpgi 1. Non solo. Alla Gestione separata dovrà anche provvedere alla ristrutturazione e riqualificazione degli immobili della Sicaf, per poi venderli (forse) a prezzi più elevati, con guadagni di cui beneficerebbe anche la Gestione principale”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome