I contributi incassati vanno indicati in gerenza

0
705
sciopero-adnkronos-pasqua

I contributi vanno indicati in gerenza. Come ogni anno, ricordiamo che la lettera f) del comma 2 dell’articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70 prevede tra i requisiti per accedere ai contributi “l’obbligo per l’impresa di dare evidenza nell’edizione della testata del contributo ottenuto nonché di tutti gli altri finanziamenti ottenuti”.

Il comma 119 dell’articolo 2 del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2006, n. 286 prevede che: “Tra le indicazioni obbligatorie previste dall’articolo 2, secondo comma, della legge 8 febbraio 1948, n. 47, è inserita la dichiarazione che la testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250, ove ricorra tale fattispecie”. La norma in oggetto non è stata abrogata; pertanto, la nuova dizione va raccordata con la previgente previsione normativa che continua ad essere efficace, in quanto, tra l’altro, si collega con quanto previsto dalla legge 8 febbraio 1948, n. 47”.

Riteniamo, quindi, necessario aggiornare ai contributi incassati nel 2021 gli importi con la seguente locuzione:

“Contributi incassati nel 2021: Euro ……………….. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell’articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70.”

La stessa locuzione va indicata anche nella gerenza dell’edizione digitale.

Laddove siano stati incassati ulteriori contributi di altra natura occorre, chiaramente, darne evidenza nel seguito della gerenza.

Consigliamo di aggiornare la gerenza entro tempi brevi.

Vuoi saperne di più? Clicca qui

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome