Gruppo 36 e Paperlit: nuove opportunità per gli editori on line

0
1021

Con la collaborazione tra le due start up innovative, l’editoria digitale può sfruttare un nuovo business model per aumentare le vendite e la pubblicità

Grazie alla partnership tra Gruppo 36, web agency milanese leader nel settore della comunicazione digitale e Paperlit, azienda specializzata nella realizzazione di app per riviste e giornali, da oggi sarà possibile creare veri e propri magazine on line accessibili in modo semplice ed intuitivo tramite un’applicazione dedicata ai dispositivi mobili di ultima generazione. E più precisamente, il nuovo servizio permette all’utilizzatore di bypassare la trasformazione dei documenti Pdf con pochi e semplici click.

Il sistema si basa sull’integrazione tra la gestione dei contenuti per piattaforme digitali curato da Gruppo 36 e la fruibilità dell’app messa a punto da Paperlit che intende, così, velocizzare la ricerca dei contenuti cartacei reperibili più semplicemente sul web. Compatibile con sistema iOS e Android, l’applicazione di ultima generazione permette di “personalizzare” l’informazione selezionando le notizie più interessanti senza dover generare e convertire prima i contenuti Pdf perché sia la formattazione che le interazioni ipertestuali saranno veicolate direttamente dal CMS di Gruppo 36. I lettori digitali, avranno, così, l’opportunità di accedere a video, file audio o feed dei social più popolari, in maniera interattiva, sul proprio tablet o smartphone.

Grande soddisfazione per l’accordo raggiunto è stata espressa sia da Luca Filigheddu, ceo di Paperlit, che da Piersergio Trapani, ceo di Gruppo 36. Due realtà imprenditoriali che, per quanto giovani, si sono già imposte nei rispettivi campi operativi, a livello internazionale. Solo pochi mesi fa, l’azienda veronese guidata da Figheddu, è stato oggetto di grande attenzione mediatica per l’acquisizione della londinese Stonewash Limited, un servizio molto noto agli editori on line non solo del Vecchio Continente ma anche degli States. Così come, meno di un anno fa, la società lombarda ha portato l’Italia sul gradino più più alto del podio vincendo la 16° edizione dell’Interactive Key Award, suggellando la sua inarrestabile ascesa  come web agency tra le più innovative e prestigiose del Pianeta. Le due protagoniste della recente collaborazione, sono accomunate dalla stessa mission: la ricerca di strumenti all’avanguardia capaci di generare nuovi business model facilmente accessibili ed in grado di generare profitti interessanti.

Secondo Filigheddu grazie a questa partnership il sito di CMS Gruppo 36 si spinge ancora più avanti verso la sua naturale vocazione di abbreviare i tempi di realizzazione  e pubblicazione delle news, collocandosi in maniera ancora più autorevole, in questo particolare segmento di mercato dove non è facile essere sempre più competitivi. La stessa cosa vale anche per Paperlit che, dalla nuova collaborazione, ha il vantaggio di poter rafforzare la sua leadership ampliando l’offerta dei servizi legati ai contenuti editoriali sul web ma anche di analytics, advertising ed app web marketing. Gestione più rapida dell’informazione ed ottima fruizione in modalità mobile grazie al sistema NTool: un valido aiuto per l’editoria digitale che, grazie a quest’accordo strategico tra i due team, potrebbe sfruttare un’altra opportunità offerta dal web nata con lo scopo di semplificare la gestione delle news, aumentare le vendite on line di riviste e giornali ed avvicinare vecchi e nuovi finanziatori disposti ad investire nella pubblicità on line.

Piersergio Trapani, infatti, si dice convinto che i maggiori beneficiari dell’app innovativa saranno proprio gli editori proprietari di portali on line perché le testate avranno un maggiore controllo e una più oculata gestione dei contenuti selezionati dall’utilizzatore il quale potrà effettuare una scelta più rapida, flessibile e rispondente alle sue preferenze, andando oltre il tradizionale accesso tramite plug-in. Un’iniziativa che ha tutte le carte in regole per avviare quei processi di modernizzazione capaci di massimizzare i profitti e di potenziare tutto il comparto dell’editoria digitale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome