Giornalisti, premio Antonio Ghirelli, riconoscimenti speciali a Mazza, Lasorella, Corcione, Peluffo, Jacobelli.

0
660
contratto

Una giornata per ricordare il Maestro Antonio Ghirelli nel foyer dell’auditorium Rai a Napoli. Nel corso della cerimonia di gala della III edizione del premio internazionale di giornalismo sportivo dedicato all’indimenticato direttore, la giuria (presidente il giornalista Rai Gianfranco Coppola, neoconsigliere per l’Europa dell’Assostampa sportiva mondiale e vicepresidente nazionale Ussi) ha consegnato riconoscimenti speciali ai giornalisti e alle personalita’ legati alla figura di Antonio Ghirelli: Massimo Corcione (sezione Ghirelli e la scuola giornalistica napoletana), Xavier Jacobelli (Ghirelli e la carta stampata), Mauro Mazza (Ghirelli e la tv), Paolo Peluffo (Ghirelli e la comunicazione istituzionale), Carmen Lasorella e Gianni De Felice (Ghirelli e i suoi allievi), Carmelo Conte (Ghirelli e la politica), Corrado Ferlaino (Ghirelli e il calcio). Menzione per Francesco Bongarra’ (Ghirelli e l’informazione politica). Premio alla carriera a Clemente Hengeller e alla memoria a Nino Masiello, recentemente scomparso, tra gli allievi prediletti di Ghirelli, ritirato dai figli Laura e Giuseppe. Durante la manifestazione e’ stata anche proiettata un’intervista a Ghirelli, realizzata da Stefano Buccafusca di La7 Oscar Puntel di “Donna Moderna” e Vincenzo Murgolo di “Mediterraneo News”, canale tv della Scuola di Giornalismo dell’Universita’ di Bari sono i vincitori ex aequo della III edizione del premio.

Menzioni speciali per Marco Caiazzo di “Repubblica”, Salvatore Parente e Fabrizio Rinelli di “il Giorn@lista”, organo di stampa della Scuola di Giornalismo dell’Universita’ di Salerno.

Ai premiati, orologi con le iniziali dei vincitori e il logo del Premio (una macchina per scrivere e un microfono) realizzati da LJW Time e statuine-portafortuna preparate dal maestro pastoraio di San Gregorio Armeno, Marco Ferrigno, e prodotti Carpisa.

Insieme ad uno dei figli del direttore, Guido Ghirelli (con la famiglia) presenti numerosi esponenti del giornalismo e delle istituzioni che hanno voluto onorare l’iniziativa promossa dalla Casa editrice Cento Autori di Villaricca e dalla onlus Ali dell’editore Pietro Valente: il rettore dell’universita’ di Salerno Aurelio Tommasetti, il presidente nazionale dell’ordine dei Giornalisti Nicola Marini, il consigliere nazionale Odg Antonio Sasso, il presidente regionale Odg Ottavio Lucarelli, il presidente Ussi Campania Mario Zaccaria, il direttore Cptv Rai Napoli Francesco Pinto, il caporedattore centrale Tgr Campania Antonello Perillo, il presidente Ucsi Campania Pino Blasi, il direttore della scuola di giornalismo dell’universita’ Suor Orsola Benincasa di Napoli Marco Demarco, Carlo Verna, Marco Lobasso, Elisabetta Abbate, Giampiero Bellardi, Mimmo Falco, Alessandro Sansoni, Gaetano Borrelli, Sergio Troise, Pierpaolo Petino, Massimo Sparnelli, Massimiliano Amato, Nico Pirozzi, Geppino Mariconda, Geppino Riccio. In tanti, da Massimo Corcione a Oscar Puntel, hanno omaggiato il “direttore-maestro Emilio Fede”, presente con la moglie Diana de Feo, con parole commosse e sincere. La cerimonia si e’ chiusa con il taglio della torta celebrativa realizzata da Sabatino Sirica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome