Editoria, Anselmi: “Nostro futuro è multimedialità e indipendenza”

0
331
Il presidente della Fieg, Giulio Anselmi
Il presidente della Fieg, Giulio Anselmi
Il presidente della Fieg, Giulio Anselmi

“Qual è il futuro dell’informazione? Non lo sappiamo, perché ci troviamo di fronte al tumultuoso sviluppo di internet, alla crisi dell’informazione tradizionale e dei giornali cartacei con i giovani che non leggono i giornali e i cosiddetti Over the top, Google, Amazon e Facebook, che hanno un potere non paragonabile ad altri mezzi”. A parlare è Giulio Anselmi, presidente della Federazione Italiana degli Editori, intervenendo al convegno organizzato dall’agenzia di stampa Dire in occasione dei suoi primi 25 anni di attività.
“In questo contesto – spiega Anselmi – i giganti dell’economia e il potere politico esercitano non solo pressione sull’informazione, ma anche sul controllo dei cittadini, alla faccia della privacy. Per continuare ad avere un ruolo – sottolinea il presidente – editori e giornalisti, in uno stato di crisi generale, dobbiamo continuare a distinguerci dalla troppa informazione che è un rischio anche per la democrazia. Dobbiamo avere l’intelligenza di badare agli elementi comuni piuttosto che a quelli divisori. Dobbiamo essere presenti su tutte le piattaforme con la multimedialità e in questo i giornalisti devono imparare la via dell’umiltà”. “Dobbiamo – continua Anselmi, parlando anche in veste di presidente dell’ANSA – essere indipendenti da partiti, governi e pressioni economiche. Il nostro percorso deve essere verso l’indipendenza e per questo dobbiamo saperci difendere e tutelare il diritto d’autore, non come feticcio ma come sintesi di contenuti. Dobbiamo essere veloci, ma badare alla qualità che significa essere affidabili. Soprattutto dobbiamo essere capaci di scegliere”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome