Editori italiani ed europei: Modello 18App per rilanciare l’editoria”

0
152
più-libri-più-idee-più-liberi

Il modello della 18App per rilanciare l’intero settore dell’editoria e della cultura. L’appello coinvolge gli editori e i librai europei che hanno sostenuto un appello inviato al commissario europeo all’istruzione, Mariya Gabriel e a tutti i ministri della cultura dei Paesi dell’Unione Europa. L’iniziativa porta la firma della Fep, Federation of European Publishers e della Eibf, European and International Booksellers Federation.

In Italia, l’iniziativa è stata sostenuta, in un comunicato congiunto, dall’Associazione Italiana Editori (AIE) e l’Associazione Librai Italiani (ALI) all’indomani della creazione di un fondo per il mondo del libro nel decreto Rilancio. “Con la 18App l’Italia è stata in prima linea nel proporre un modello che ha fatto scuola in tutta Europa – dichiarano il presidente di AIE Ricardo Franco Levi e di ALI Paolo Ambrosini –. Adesso che le federazioni di settore europee propongono questo modello come via principale per uscire dalla crisi Covid-19 in tutto il Continente, chiediamo al governo e al parlamento di farsene carico, individuando nuove platee, accanto a quella dei neo-diciottenni, e sostenendo allo stesso tempo il sistema bibliotecario”.

“L’obiettivo principale – spiega l’appello di FEP e EIBF in riferimento alle carte per la famiglia – è di aiutare i destinatari del bonus ad acquistare libri nelle proprie librerie. Il progetto, spiegano le due federazioni, è quello di “estendere il bonus a tutte le famiglie, a tutti gli studenti oppure ad alcuni classi di età, o categorie, come i disoccupati, eccetera”.

Per quanto riguarda le biblioteche, “l’acquisto su larga scala di libri, attraverso le librerie – continua l’appello – conseguirebbe diversi obiettivi: servirebbe a fornire un’ancora di salvezza all’intera filiera del libro (dagli autori, agli editori, ai librai) grazie a un’iniezione di liquidità assolutamente necessaria, ad aggiornare e rimodernare le raccolte delle biblioteche e delle altre istituzioni, e, più in generale, a incentivare la lettura”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome