Edicole. Compri una rivista e te ne porti a casa minimo due…

0
1507

e-io-pagoUna volta era considerato puro marketing, che veniva fatto di tanto in tanto. Oggi sembra invece un assalto alla diligenza. Una guerra senza esclusioni di colpi fra editori e giornalai, con la sapiente complicità dei pubblicitari. Eh, sì. Oggi più di ieri il giornale si vende a peso. Corriere, Repubblica, La Stampa, il Resto del Carlino, ma anche Corriere dello Sport, Messaggero. Solo per citarne alcuni. Vanno tutti in abbinamento. Hanno tutti un panino (anche fra loro). Si amano tutti APPASSIONATAMENTE gli editori. Fra tutto questo amore che sgorga dal cuore, gli edicolanti, da contratto, sono “costretti” a prendersi tutto. Vendi due al prezzo di uno e l’aggio è per un solo quotidiano. Come un cane che si morde la coda. Senza parlare delle riviste. Qui i pubblicitari se ne inventano una al secondo. TU Style 1,00 + Grazia 1,50 = 1,00 €, Sorrisi 1,50 + Panorama 3,00 = 1,50 €, Vero+Top..
Insomma,  è vero che c’è crisi, ma è anche vero che i giornali “quasi” li regalano. Allora  perché far guadagnare così poco agli edicolanti? Faccio due conti. Acquisto una rivista mensile in edicola a 3 euro, spendendo 36 euro in un anno ,mentre se la compro in abbonamento ne sborso 12. Sarebbe 1 euro a copia. Perché la rivista da 3 euro non la danno all’edicolante al costo di 1 euro invece di dare loro il misero aggio sui 3 ?
I conti non tornano. Si è vero, c’è il contratto nazionale, ci sono i costi di trasporto, di distribuzione. Ma scusate un attimo. Perché mai l’edicolante deve pagare 2, 60 euro (circa) una rivista dal costo di 3 euro mentre io la pago 1 euro se mi abbono online?
Scommetto che la stragrande maggioranza dei clienti delle edicole tutto ciò non lo sa affatto e, anzi, crede che l’edicolante la paghi anche meno di 1 euro…
Che bella la nostra Italia…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome