Canada, dal governo Trudeau circa 600 milioni di dollari per aiutare la stampa

0
366

Credendo che il giornalismo di qualità abbia un ruolo “critico” in una democrazia sana e plurale, il governo Trudeau risponde alle richieste di soccorso dell’industria della stampa e annuncia tre misure per aiutarlo ad attraversare il confine. per questo motivo il Ministro delle Finanze Morneau nella sua dichiarazione economica di bilancio, ha stanziato un piano quinquennale di circa 600 milioni di dollari come credito d’imposta a favore della stampa canadese. “I canadesi hanno il diritto di accedere a una vasta gamma di fonti di informazione e il governo ha la responsabilità di garantire l’accesso a tali fonti di informazione”, ha scritto nel documento.
Si tratta, nei particolari di due crediti d’imposta: un primo prevede il rimborso per i costi della manodopera relativi alla produzione di contenuti e un secondo non rimborsabile del 15% sulle tariffe di abbonamento digitali. Vi è poi un’altra misura che consentirebbe ai cittadini di donare a un’organizzazione di giornalismo senza scopo di lucro e di ricevere a sua volta un credito d’imposta.
La percentuale del credito fiscale sul lavoro dovrebbe essere chiarita dal prossimo budget federale in primavera, ma entrerà in vigore retroattivamente a partire dal 1 ° gennaio 2019.
Penso che il governo abbia mostrato molto coraggio e visione. I canadesi hanno bisogno di una pluralità di fonti di informazione e di qualità“, così Pierre Elliott Levasseur, presidente di “La Presse”. Per il proprietario del Capital Media Group, Martin Cauchon, Ottawa riconosce, attraverso questo sostegno finanziario, “il ruolo cruciale svolto dai mezzi di informazione e dalla stampa in tutto il tessuto sociale e la democrazia del Canada“.
L’annuncio è stato inoltre accolto con favore dai giornalisti, in particolare dalla Fédération nationale des comunicazioni (FNC-CSN), che descrive questo come “il più appropriato per garantire che il sostegno finanziario sia mirato alla salvaguardia del lavoro dei giornalisti.”

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome