Assostampa Toscana fa appello a Regione: “Aiuti l’editoria”

0
219

L’Assostampa Toscana ha chiesto al presidente della Regione Eugenio Giani di rinnovare i bandi per l’aiuto all’editoria locale. Una lunga lettera del presidente Sandro Bennucci è arrivata sulla scrivania del governatore toscano a Palazzo del Pegaso a Firenze. Per Bennucci è tempo di azione, di intervenire sui temi della piccola e media editoria per salvare l’informazione e, con essa, il dibattito pubblico, la democrazia e centinaia di posti di lavoro.

“Sono costretto a scriverti per la nuova emergenza che sta attanagliando la piccola e media editoria in Toscana. Come saprai, l’informazione versa da tempo in difficoltà economiche, gli effetti della pandemia hanno lasciato tracce profonde anche e le crisi nelle aziende editoriali si sono acuite”, scrive Bennucci a Giani. Che prosegue: “Molti colleghi con situazioni lavorative fragili hanno pagato un conto molto salato, le imprese editoriali locali che hanno seriamente affrontato il loro ruolo con responsabilità e correttezza hanno il fiato corto anche a causa della forte contrazione pubblicitaria alla quale si è aggiunta l’emergenza del caro bollette”.

E ancora: “L’ultimo bando a sostegno dell’editoria, attraverso la Legge Regionale 34 del 2013 – salvo il contributo, assai limitato, per il post pandemia – risale al 2019 e pertanto sono trascorsi i due anni che svincolano le aziende dal de-minimis europeo. Sarebbe quindi opportuno rifinanziare quanto prima la legge ed indire un nuovo bando, fondamentale per il mantenimento e l’incremento dell’occupazione dei giornalisti nelle testate toscane”.

L’appello di Bennucci continua: “Difficoltà maggiori nel sostenere i costi per la propria attività la registrano, in particolare, i quotidiani online, le Agenzie stampa e video giornalistiche a carattere regionale i periodici locali che non ricevono alcuna forma di sostegno da parte dello Stato. Aggiungo anche che i contributi diretti dello Stato, attraverso la Pcm, alle radio ed alle tv locali sono infatti sempre più vitali per garantire l’informazione di prossimità, ma spesso non sono sufficienti per mantenere una struttura giornalistica adeguata alle necessità del lavoro delle redazioni. Iniziative di sostegno simili a quella che ti sollecito sono state attuate, o sono in via di attuazione, anche in altre Regioni”.

Infine, il presidente Assostampa Toscana ha concluso: “Come contemplato dal Protocollo sull’informazione da te sottoscritto nella sede Ast durante la campagna elettorale del 2020 per il voto regionale, l’impegno a sostenere l’informazione in Toscana acquisterebbe ora un significato di grande concretezza e, al tempo stesso, di giusto riconoscimento a quelle realtà che, lungi dal chiedere finanziamenti a pioggia (il bando può essere riproposto con le stesse, rigorose modalità degli anni passati), offrono progetti d’innovazione e correttezza nei rapporti di lavoro. Ma il tempo, mai come ora, è il vero nemico di queste capacità professionali ed imprenditoriali. Per questo motivo sono a chiederti un incontro in modo da porre insieme, da subito, le basi di un intervento indispensabile, come detto, per tutte le piccole medie imprese editoriali della Toscana”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome