Contributo Agcom, l’Autorità stabilisce i termini per il versamento dovuto dagli operatori

0
1595

 

 

Con delibera pubblicata sul suo sito web l’Agcom ha reso note le modalità di versamento del contributo dovuto dagli operatori dei servizi media e da quelli di comunicazione elettroniche per il 2016. L’obbligo di contribuzione è previsto dalla legge 266/2005. Gli operatori elettronici dovranno corrispondere l’1,4 per mille dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato. Aliquota maggiore, pari al 2 per mille dei ricavi, per gli operatori impegnati negli altri settori oggetto di competenza dell’Autorità. Nello specifico il parametro su cui si basa l’applicazione dell’aliquota è la voce A1 del conto economico, in cui vengono inseriti tutti i ricavi derivanti dall’attività caratteristica dell’impresa. Gli operatori non tenuti alla redazione del bilancio dovranno calcolare la loro aliquota in base all’ammontare dei ricavi delle vendite e delle prestazioni. Una deroga al versamento del contributo è prevista per i soggetti il cui imponibile sia pari o inferiore a 500.000 euro, le imprese entrate nel mercato nel 2015 e quelle in stato di crisi (in liquidazione o oggetto di procedure concorsuali). Tali esclusioni sono state decise in considerazione di ragioni di economicità delle attività amministrative inerenti all’applicazione del prelievo. La stima dei costi amministrativi che Agcom dovrà finanziare per sostenere le attività relative ai mercati di competenza è pari a 65,3 milioni di euro, di cui 42,3 milioni per il settore delle comunicazioni elettroniche e 23 per gli altri mercati.

http://ccestudio.org/sendy/l/tmMC1gbTYbjxva8922RQ8yrg/ntlhwWGMsKPpVB05eGLgWA/wtj2gm0P8vkBNZemrhSGow

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome