Violazione brevetti. Apple fa causa al governo cinese

0
301

Mentre in tutta Europa pensiamo al Mobile World Congress 2014, in Cina Apple pensa a fare giustamente causa al governo, promettendo una battaglia legale di quelle mai viste finora, visto che, in primo luogo, la controparte è l’agenzia governativa che regolamenta i brevetti e, in secondo luogo, in ballo c’è Siri, uno dei software più importanti di iPhone e iPad, al quale non poche compagnie si sono ispirate.

A rivelare l’accaduto è l’agenzia di stampa People’s Republic of China, ripresa, tra gli altri, da AFP; leggiamo assieme cosa si dice in merito alla vicenda:

“Il gigante tecnologico USA Apple ha sporto denuncia contro un’agenzia del governo cinese e una società locale per violazione dei brevetti relativi all’assistente personale Siri […]. Apple ha avviato la causa contro l’Ufficio della Proprietà Intellettuale di Stato, cui è demandata la tutela del diritto d’autore in Cina, e la Zhizhen Network Technology di Shanghai, creatrice di un software simile a Siri”.

L’oggetto della contesa è un brevetto detenuto da Zhizhen che riguarda il sistema di conversazione Xiaoi: quest’ultimo inizialmente era soltanto una chat bot per Messenger, Yahoo e altri network; poi, però, si è trasformato pian piano in un’applicazione per iOS e Android, finendo per diventare uguale a Siri: è da qui che parte la denuncia di Apple, sia ai danni di Zhizhen sia ai danni dell’agenzia che avrebbe dovuto garantire il rispetto del brevetto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome