Sel accusa: Corriere Srl taglia giornalisti ma spende per Il Tempo

0
980

I senatori di Sinistra Ecologia e Libertà (Sel) chiedono l’intervento del governo nel caso della chiusura del Corriere di Maremma: “Il gruppo Corriere Srl licenzia i giornalisti mentre tratta per 13 milioni l’acquisto del Tempo”

La vicenda che coinvolge il gruppo editoriale Corriere Srl finisce sotto la lente di ingrandimento dei senatori di Sel: presentata al governo un’interrogazione parlamentare i cui primi firmatari sono Alessia Petraglia e la capogruppo Loredana De Petris.

Il gruppo Corriere comprende le testate ‘Corriere dell’Umbria’, ‘Corriere di Siena’, ‘Corriere di Viterbo’, ‘Corriere di Arezzo’ e ‘Corriere di Rieti’ e ad inizio ottobre ha annunciato una serie di esuberi nonché la chiusura, avvenuta il 5 ottobre scorso del ‘Corriere di Maremma’.

“La cosa incredibile”, commentano i senatori di Sel in una nota, “è che il proprietario del gruppo editoriale che chiude giornali e annuncia esuberi è la finanziaria Tosinvest della famiglia Angelucci, proprietaria del quotidiano Libero e che sta trattando contemporaneamente in queste settimane l’acquisto del quotidiano ‘Il Tempo’, avendo fatto un’offerta al tribunale di circa 13 milioni di euro”.

Per questo motivo viene avanzata la richiesta d’intervento di Palazzo Chigi e dei ministri Poletti e Guidi: “convochino urgentemente l’editore Angelucci, al fine di valutare con essa le alternative alla chiusura della redazione del ‘Corriere di Maremma’. Vogliamo infine sapere quali iniziative Palazzo Chigi intenda prendere per salvaguardare i posti di lavoro dei 18 giornalisti che la proprietà vuole liquidare”, conclude la nota.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome