Se il diritto all’oblio (non ancora normato) fa chiudere un giornale

0
1629

Il diritto all’oblio costringe alla chiusura un giornale abruzzese. PrimaDaNoi.it ha cessato le pubblicazioni: troppe e tali le richieste, tante ed eccessive le spese legali che alla società che edita il quotidiano online sono mancati i soldi per pagare i giornalisti.

Una lettera del direttore Alessandro Bianciardi, lunga e amarissima, annuncia la fine di un’esperienza lavorativa, di un’azienda proprio nelle stesse ore in cui la libertà di stampa e la necessità del pluralismo sui territori tiene banco per le accuse e le azioni ventilate (punitive?) ventilate da alcuni esponenti del governo Lega-M5S.

Tutto è cominciato nel 2010 quando i giudici costringono il quotidiano a rimuovere un articolo su un accoltellamento avvenuto in un ristorante di Ortona, in provincia di Chieti. Su richiesta del titolare dell’attività, la magistratura dispone la rimozione e condanna il giornale a rifondere danni e spese legali. Il problema è che in Italia non esiste ancora una legge che tuteli e regolamenti il tema. Così, accusano i giornalisti, si sono trovati a dover soccombere a causa di una legge che non esiste.

La polemica non è cessata e, quando il caso ha iniziato a far giurisprudenza, il quotidiano è stato letteralmente sommerso di richieste in tal senso per il diritto all’oblio. Troppe, tante al punto da indurre il giornale a chiudere.

L’ultimo atto è stato quello di trasformare le candeline del compleanno di una testata in un lugubre cero funebre. “E’ la fine di un sogno che si è trasformato in un incubo, poichè spesso siamo diventati noi il nemico di troppi e il bersaglio da colpire. PrimaDaNoi.it muore per asfissia lentissima: un quotidiano vive di pubblicità ma siamo stati bravini a raccogliere quella nazionale e pessimi a convincere gli imprenditori sotto casa. Chissà perchè…”.

E quindi: “PrimaDaNoi.it muore per l’isolamento nel quale è stato relegato  solo perchè siamo stati “cattivi” con i potenti e qualche difficoltà (piccolissima) in questi lunghi anni gliela abbiamo pure creata. PrimaDaNoi.it – spiega Bianciardi – muore perchè in questa terra, oggi, la verità, l’informazione, il giornalismo d’inchiesta non sono ritenuti ancora beni vitali dal cittadino comune”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome