SALVA LA TV ANTIMAFIA. ORA SERVONO I FINANZIAMENTI

0
463

Telejato continuerà a trasmettere. Il Ministero dello Sviluppo economico ha predisposto la graduatoria provvisoria delle tv locali siciliane. E Telejato c’è. Vicino a Med1, Il Tirreno, Radio Monte Kronio spunta l’emittente antimafia di Pino Maniaci.
Telejato è un’emittente televisiva locale con sede a Partinico, fondata nel 1989 da Alberto Lo Iacono. Nel 1999 fu rilevata da Pino Maniaci, allora imprenditore edile, ora giornalista di fatto, anche se non ha mai chiesto l’iscrizione all’Ordine (su di lui ha pesato anche una condanna per esercizio abusivo della professione, questione risulta con una non sussistenza del fatto). Telejato, dall’acquisizione di Maniaci si è occupata di lotta alla mafia. Ha fatto sua la battaglia contro il pizzo, appalti truccati, traffico e commercio di droga. Insomma l’emittente è stata l’unica tv nazionale, oltre che regionale, che ha fatto dell’aperta lotta alla mafia la sua mission. Infatti Pino Maniaci è stato vittima di numerosi atti intimidatori: minacce, incendi, aggressioni verbali e fisiche, tanto da “meritare” la scorta. Tuttavia, in 13 anni di aspre battaglie non si è fermato, né la malavita è riuscita a scoraggiare l’attività della piccola grande tv locale. Ciò che non è riuscito alla mafia poteva riuscire al digitale terrestre e allo Stato. Le frequenze necessarie per trasmettere sono state in dubbio fino a qualche giorno fa. Nel bando per l’assegnazione locale delle frequenze Telejato è alla diciassettesima posizione nella graduatoria, nel multiplex insieme a “Med1″, “Il Tirreno RTT Rete2″ e “Radio Monte Kronio Tv”. Telejato ha contributo con un punteggio di 2.95 per la storicità dell’emittente, e con 1.12 alla copertura. Il totale del punteggio ottenuto, sommando storicità, dipendenti, copertura e patrimonio delle quattro emittenti tv, è stato di 32.42 punti.
Ottenuta la sua porzione di spettro, ora Telejato dovrà trovare “solo” i finanziamenti per sostenere il passaggio al digitale.
E non è scontato che li trovi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome