Riforme, Merlo (responsabile Pd editoria): non c’è tempo da perdere

0
703

Il Pd è chiamato ad assumersi una responsabilità politica precisa e coerente sulle riforme. Lo dice senza mezzi termini Giorgio Merlo, responsabile nazionale del partito per editoria e new media, che poi precisa: “Mai vista rottura partito su elettività di 100 senatori”

Non c’è più tempo da perdere sulle riforme. Serve un accordo politico, bisogna mettere fine il prima possibile a quello che è diventato ormai un tormentone. Ne è sicuro Giorgio Merlo, responsabile nazionale Pd editoria e new media, che poi aggiunge: “Il Pd è chiamato ad assumersi una responsabilità politica precisa e coerente”.

Allo stesso modo, continua ad ammonire Merlo, il partito “non può farsi condizionare da Di Pietro, dal popolo ‘viola’o da settori giustizialisti dell’informazione”. Il responsabile nazionale per editoria e new media spiega che “non si è mai vista una rottura politica o una divisione irreparabile di un grande partito, come, ad esempio, il Pd, sulle regoli elettorali o sulla elettività, o meno, di 100 senatori. Visto che non capita nulla di tutto ciò, è giunto il momento di fare un accordo e di chiudere definitivamente la partita”.

Non è certo un caso che a provare a centrare l’attenzione sulle riforme sia il responsabile Pd editoria e new media, vista anche l’aria che tira nel comparto.
Ma, ricorda lo stesso Merlo in un articolo su Nuovasocietà, “il dibattito sulle riforme, sul nuovo ordinamento costituzionale, sulla trasformazione/liquidazione del Senato, e sulla stessa riforma elettorale varata recentemente per la Camera, stranamente dimentica un aspetto che resta decisivo ed essenziale per la qualità stessa della nostra democrazia: e cioè, come avverrà la ‘selezione’ della classe dirigente politica nel futuro.

La politica contemporanea non può prescindere da una classe dirigente che sia autorevole, spiega ancora Merlo: “Se è vero, com’è vero, che il cosiddetto gregariato, le ‘filiere’ del capo e la cortigianeria eretta a sistema sono diventati gli assi portanti del ceto dirigente politico, una maggior riflessione su come saranno eletti i futuri parlamentari non può più passare inosservata. A meno che non si voglia far intendere il parlamento come un mero prolungamento dell’ombra del suo capo, incapace di intraprendere qualsiasi tipo di azione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome