Repubblica sfiducia Molinari, il caso tra Stellantis e largo Fochetti

0
237

Maurizio Molinari è stato sfiduciato dai giornalisti di Repubblica. È passata la mozione presentata ieri dopo che la redazione si è ribellata quando, per evitare che uscisse un articolo evidentemente ritenuto sgradito dalla proprietà Gedi-Elkann, sono state mandate al macero 100mila copie del giornale e, contestualmente, è stato ristampato tutto con un nuovo articolo, sempre sui rapporti economici di forza tra Italia e Francia, diverso da quello originariamente previsto in pagina.

Maurizio Molinari è stato fortemente voluto alla guida di Repubblica proprio dagli Elkann-Agnelli. Ma nel corso del tempo la sua direzione ha finito per diventare invisa ai giornalisti. L’ultimo caso è quello dell’articolo su Stellantis, Italia e Francia ma la scintilla che ha fatto da detonatore sta (anche) nella linea editoriale imposta dallo stesso Molinari sulla guerra che sta insanguinando il Medio Oriente. Non è un mistero, infatti, che per la redazione quella del direttore è una direzione forse troppo filo-israeliana e che un incidente su questi temi si è verificato a cavallo del festival di Sanremo con lo strano caso dell’intervista sparita al rapper Ghali.

L’esito del voto della mozione è stata una catastrofe per Molinari: i giornalisti di Repubblica, come ha reso noto il comitato di redazione che della mozione stessa si era fatto promotore, hanno votato a larghissima maggioranza per il sì alla sfiducia. E lo hanno fatto con 164 sì, appena 55 no e 35 astenuti. All’esito del voto, il Cdr ha pure proclamato uno sciopero della firma della durata di 24 ore. “Il direttore ha la potestà di decidere che cosa venga pubblicato o meno sul giornale che dirige, ma non di intervenire a conclusione di un lavoro di ricerca, di verifica dei fatti e di confronto con le fonti da parte di un collega, soprattutto se concordato con la redazione – si legge nella lunga nota del Cdr – . In questo modo viene lesa l’autonomia di ogni singolo giornalista di Repubblica e ciò costituisce un precedente che mette in discussione, per il futuro, il valore del nostro lavoro”.

Ma non è tutto: “Il Cdr considera altrettanto grave che l’intervento abbia portato a bloccare la stampa del giornale, in particolare perché la direzione aveva già dato il via libera alla pubblicazione. È indice di una mancata organizzazione che espone ad arbitrarietà incontrollata il lavoro di tutti. Il Cdr condanna lo spreco di tempo e di risorse per la ristampa di una parte di Affari&Finanza, in un momento in cui la redazione con l’ennesimo piano di prepensionamenti viene chiamata a nuovi sacrifici; segnala come l’accaduto esponga Repubblica in modo negativo di fronte ai suoi interlocutori esterni e di fronte ai lettori, non ultimo il fatto che per alcune ore sono circolate in rete le due aperture di Affari&Finanza, prima e dopo l’intervento della direzione”. La conclusione è al vetriolo: “Quanto avvenuto è l’ultimo episodio di una serie di errori clamorosi originati dalle scelte della direzione che hanno messo in cattiva luce il lavoro collettivo di Repubblica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome