PELUFFO: NECESSARIA RIDUZIONE COSTI AMMISSIBILI A RIMBORSO, TRACCIABILITÀ DELLA VENDITA, LEGARE I CONTRIBUTI ALLE ASSUNZIONI

0
310

Il sottosegretario all’editoria, Paolo Peluffo, ha commentato le vicende giudiziarie di queste ore del ‘caso Lavitola’ e ha affermato che «i contributi diretti all’editoria saranno erogati solo a certe condizioni». Bisognerà mettere a punto nuove norme: «Ci sarà una drastica riduzione dei costi ammissibili al rimborso diretto ma una forma di legittimazione di contributo diretto può esistere – ha detto Peluffo – anche se in forma innovativa, detto questo deve essere fatto in una maniera che elimini alla radice la possibilità del comportamento improprio». «La spesa per stampa e distribuzione deve essere certificata». Mentre rientreranno le spese per l’online e per l’assunzione di giornalisti verranno escluse «le spese per i service, i contratti di consulenza eccetera».
Peluffo ha sottolineato l’esigenza che il nuovo sistema premi e dia sostegno alle aziende meritevoli, nel senso di commisurare i contributi «all’impegno delle aziende nell’offerta di contenuti, nel passaggio al digitale, in via legale e a prezzi contenuti».
Il sottosegretario ha quindi rimarcato la necessità della «tracciabilità della vendita del prodotto: è stato trovato uno schema che introduce un codice a barre. L’unica forma di spesa sarà quella finanziata con un credito di imposta per le edicole che dovranno installare apparecchi per la tracciabilità del prodotto fino al consumatore finale».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome