Luigi Di Maio ora vuole tagliare i finanziamenti all’editoria

1
438

Luigi Di Maio annuncia tagli draconiani ai finanziamenti per l’editoria e rivendica la scelta: “Questo è quello che abbiamo promesso agli italiani”.

Per Di Maio i finanziamenti all’editoria sono praticamente assimilabili ai costi della politica e tutto, indiscriminatamente, finirà sotto la mannaia dei tagli. La decisione sarebbe venuta fuori dall’ultimo vertice dei ministri e degli esponenti politici del Movimento Cinque Stelle. Grazie alla sforbiciata promessa, che sarebbe stata voluta e “raccomandata” proprio da lui, il socio maggioritario del governo gialloverde conta di raggranellare fondi utili a muovere le acque della finanziaria in fieri. L’obiettivo finale (a medio termine?) è l’azzeramento dei fondi all’editoria, una campagna da gestire in parallelo con quella della limitazione delle spese di rappresentanza (auto blu e voli di Stato) della politica. Anche se, ad onor del vero, la sforbiciata all’editoria non sarebbe compresa nel contratto di governo tra M5S e Lega. Non sarebbe il primo “strappo” all’accordo (vedi il caso del tetto pubblicità) e, a dirla tutta, ancora sul tema dell’editoria su cui i pentastellati non hanno mai lesinato stoccate.

Per Di Maio, lo vogliono gli italiani. “Sono le nostre battaglie ed è ciò che abbiamo promesso agli italiani”.

1 COMMENTO

  1. L’importante è non dimenticare le 29.000 rivendite di quotidiani e periodici, che con i finanziamenti editoriali non hanno niente a che fare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome