La vera magia di Sanremo: svelare l’ipocrisia pseudointellettuale (e sempre uguale) degli italiani

0
422

Una volta all’anno, per poco più di una settimana, l’Italia diventa nazione di finissimi intellettuali.

Durante il festival di Sanremo nei principali circoli culturali del Paese, bar, facebook e twitter, si ode intenso il richiamo al massimo rigore intellettuale. Il gotha culturale del Paese impreca contro la trasmissione popolare che mortifica l’intelligenza e stordisce le coscienze; la decadenza del mondo occidentale nasce e finisce annualmente sulla riviera ligure nella prima settimana di febbraio; ogni anno.

Urla, imprecazioni, moniti per tornare alle sudate carte, agli intensi studi di chi da sempre affolla i suddetti circoli circolari. Come si fa a vedere questo programma, si chiedono i più; un mondo di decerebrati, dicono gli altri. All’unisono la reazione del circolo è quello di spegnere, indignati, la televisione, che per poco più di una settimana perde la valenza sociale dei contenuti proposti.

I dottissimi italiani finalmente tornano agli amati studi: chi confronta la classica traduzione dell’Ulisse di De Angelis con quella recente del buon Celati; chi sdraiato in poltrona si gode l’attualità di Sostakovic; chi approfondisce la dimostrazione del teorema di Fermat; chi elabora nuove teorie sui quanti. Tutti fieramente indignati per la lurida teppaglia che per qualche sera si guarda il festival di Sanremo. Viva Pippo Baudo.

Enzo Ghionni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome