La Sicilia. Fnsi, Assostampa e Odg al fianco dei giornalisti

0
700

La Fnsi è al fianco dei giornalisti del quotidiano La Sicilia di Catania e ne sostiene lo stato di agitazione. La profonda crisi del settore, che va affrontata in un quanto mai necessario tavolo nazionale fra governo e parti sociali, non può esimere l’editore della Sicilia dal rispetto degli obblighi contrattuali e dalla messa a punto di un piano industriale che valorizzi tutte le professionalità, salvaguardi l’occupazione e dia certezze a tutti i giornalisti, dipendenti e collaboratori”. Lo ha affermato, in una nota, Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della Stampa italiana: “La Fnsi, insieme con l’Associazione siciliana della Stampa, è pronta a sostenere il comitato di redazione e l’intero corpo redazionale nelle azioni che si renderanno necessarie per difendere l’indipendenza della testata e i posti di lavoro”.

L’Assostampa siciliana in una nota ha spiegato: “Profonda preoccupazione. Il malessere di giornalisti e dipendenti che oggi emerge e che viene consegnato anche al pubblico dei lettori è ormai lontano nel tempo e risale anche a prima che i beni fossero sequestrati e confiscati all’editore Ciancio. A fronte della presenza quotidiana del giornale in edicola, grazie al lavoro scrupoloso di tutti, va detto che l’editore non è mai stato puntuale rispetto alla corresponsione degli stipendi, violando il normale principio secondo cui a una prestazione professionale va corrisposta una retribuzione”.

Vicinanza ai giornalisti anche da parte dell’Ordine regionale che in una nota ha espresso “solidarietà e vicinanza ai redattori e ai collaboratori de La Sicilia che non meritano nuove penalizzazioni dopo i tanti sacrifici sostenuti negli ultimi anni per garantire l’uscita del giornale. E sollecita una immediata ripresa dei colloqui con la proprietà nell’auspicio che quest’ultima, oltre a garantire gli standard retributivi e la vita stessa della testata, possa finalmente pensare anche a un piano di rilancio”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome