La sfida internazionale nella nuova iniziativa editoriale a Il Giornale: nasce InsideOver

0
311
Morto a Salerno il fotoreporter Pasquale Stanzione

Nuova e importante iniziativa editoriale a Il Giornale. Dall’esperienza de Gli Occhi della Guerra, pluripremiato progetto che ha raccontato il mondo in oltre duecento reportage realizzati (altro successo) grazie al coinvolgimento dei lettori con lo strumento del crowfunding nasce InsideOver.

Il nuovo progetto ambisce a raccontare il mondo e punta deciso al mercato internazionale e si presenterà al pubblico lunedì prossimo, il 13 maggio. InsideOver sarà uno spazio online, dotato di un sito in italiano e in inglese che avrà un’edizione cartacea in un magazine che sarà in edicola, insieme al quotidiano milanese, e proporrà ai lettori analisi, approfondimenti e reportage dalle aree “calde” del pianeta con il contributo di tredici firme di rilievo internazionale, i cui articoli saranno pubblicati sia in italiano che in inglese.

Perché un’altra importante novità arriva proprio dall’impostazione del giornale che si avvarrà, oltre che di tutta la squadra de Gli Occhi della Guerra, di collaborazioni internazionali da parte di giornalisti anglofoni, in ogni parte del mondo. Non una semplice traduzione dei pezzi, dunque, ma articoli originali pensati e proposti al pubblco internazionale a cui punta InsideOver.

La project manager Laura Lesèvre in un’intervista a Barbadillo.it ha presentato le ambizioni dell’iniziativa: “InsideOver è un progetto a vocazione internazionale, capace di competere sul panorama della stampa globale. E di farlo dall’Italia, aprendoci al mondo partendo dal nostro Paese. Con la missione dell’onestà e della passione: dando, così, un segnale importante non solo all’informazione ma anche al sistema dell’editoria nazionale e non solo”.

“Crediamo – ha concluso Lesèvre – che il fatto che una testata italiana tenti un’iniziativa di così ampio respiro sia di forte incoraggiamento per i lettori, per l’editoria tutta e un atto d’amore nei confronti di questo bellissimo mestiere”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome