La Gendarmerie francese risparmia il 40% dei costi IT grazie ad Ubuntu

0
904

Over_leven_liefde_en_leiderschap_Ubuntu-Annette-Man-Mul-Menscentraal

Con una punta di orgoglio, tipica dei cugini d’Oltralpe, i vertici della Gendarmerie francese hanno annunciato pubblicamente che, nell’ambito dei piano di ristrutturazione dei propri sistemi informatici, grazie al passaggio su Ubuntu, sono riusciti a risparmiare circa il 40% delle spese di gestione IT.
Per dirla tutta, bisogna precisare che l’obiettivo raggiunto, non è frutto del caso. Bensì di un calcolo preciso.
Già precedentemente, infatti, la polizia di stato francese, nel solco di una politica volta al contenimento delle spese, era passata a OpenOffice su Windows e più recentemente aveva deciso di adottare Ubuntu come proprio sistema operativo.
Fino a questo momento, la “conversione” ha interessato circa 37.000 pc,  ma entro l’anno prossimo il passaggio sarà effettuato su 72.000  postazioni.
Grazie al nuovo software open source, si è innanzitutto ridotta la spesa dovuta agli alti costi delle licenze e, più in generale, si è dato un taglio netto su tutte le spese di manutenzione, di aggiornamento dei sistemi IT e di ammodernamento della rete wi-fi.
Il processo di rinnovamento, in realtà, era iniziato nel 2008 quando la Gendarmerie era passata a Linux, sistema operativo performante ma meno dispendioso.
Considerando che i costi legati all’ IT ammontavano a diverse centinaia di migliaia di euro, in tempi di piena spending review, l’esempio virtuoso delle forze dell’ordine transalpine, potrebbe essere emulato anche nel Belpaese.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome