Il Corriere Mercantile di Genova domani in edicola

0
461

Domani torna in edicola il Corriere Mercantile. Un’edizione unica che ripercorrerà la storia, prestigiosa, del quotidiano genovese. Sedici pagine per celebrare la figura di Mimmo Angeli, direttore simbolo del Corriere Mercantile, scomparso di recente. E per ricordare a Genova, a tutta la città, il ruolo e l’epopea di un giornale che è stato (ed è ancora) simbolo di un’intera comunità. Ma che ha chiuso, nel 2015, al culmine di una lunga e travagliata crisi. Che mise fine a una storia prestigiosa e importante che durava da 191 anni.

Nella storia del Corriere Mercantile c’è quella di Genova

L’annuncio è stato dato in una nota dai giornalisti Franco Manzitti e Matteo Angeli. Che hanno snocciolato i nomi dei collaboratori storici che hanno voluto omaggiare il “loro” Corriere Mercantile. Tra gli altri, volti storici del giornalismo italiano da Maurizio Costanzo a Giulio Anselmi, da Camillo Arcuri a Paolo Garimberti. Ci sarà anche un contributo dell’attuale presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti e del sindaco di Genova Marco Bucci. Inoltre, saranno presentati ai lettori i grandi interventi del direttore Mimmo Angeli insieme a un disegno celebrativo dei 150 anni dalla fondazione del quotidiano che fu donato alla redazione da Eugenio Montale.

“Far rivivere il giornale sarebbe un segnale straordinario”

Insieme a tutto questo, anche una importante carrellata di fotografie d’epoca. Della Genova (e dell’Italia) che fu. L’edizione speciale del Corriere Mercantile sarà proposta in vendita al prezzo popolarissimo di 2,5 euro. Il ricavato sarà devoluto in beneficienza. In particolare all’Ong Next. Franco Manzitti e Matteo Angeli hanno spiegato così le ragioni dell’iniziativa. “Sarà un numero unico, speciale appunto, ma crediamo possa essere visto come un sasso nello stagno dopo anni di silenzio: crediamo che Genova abbia ancora bisogno di un giornale come il Corriere Mercantile e che ci siano le energie necessarie a farlo rivivere. Basta volerlo. E per la città, ma non solo, sarebbe un segnale straordinario”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome