Francia. Gli editori locali si coalizzano e fondano la propria edicola digitale

0
822

Calo di vendite e crisi del comparto. Gli editori francesi rispondono alla crisi e lanciano una piattaforma tecnologica contenente i loro contenuti a pagamento. Il prezzo sarà di 0,79 cent a download e sarà, al momento, disponibile sono con IOS. Il presidente dell’Unione della Stampa Regionale francese Pierre Jeantet si dice entusiasta del progetto ed auspica che nei prossimi mesi possano aderivi un numero maggiore di editori. Nel frattempo, la situazione attuale resta difficile: “La transizione verso il digitale ha portato notevoli perdite in copie e punti vendita. L’idea della piattaforma digitale potrebbe essere un’occasione imperdibile per l’intera filiera” afferma Frédéric Filloux, esperto di media, incaricato di svolgere il progetto. Nei dettagli, tutti i titoli  si trovano tutti nella stessa barca. Anche sui primi undici mesi dello scorso anno rispetto allo stesso periodo del 2011, le vendite di “Mondo” e “Team” sono calate rispettivamente 1,3% e 3,3%. Oggi in Francia ha mostrato la crescita maggiore (6,1%), seguito da “Les Echos” (2,5%), “La Croce” e “Liberazione” (0,4% per entrambi) . Infine, “Le Figaro” ha consolidato la sua posizione di leader dei quotidiani nazionali, con una diffusione a pagamento di 324.402 copie, in crescita dell’1%, a “Le Monde” (289.087 copie) e “Team” ( 278.400 copie). Mentre l’industria sta per entrare nella fase sociale dei negoziati sulla ristrutturazione Presstalis , che distribuisce tre quarti della stampa, il calo delle vendite, escluse le sottoscrizioni, rimane una preoccupazione. Solo “Oggi in Francia”, l’edizione generale nazionale del gruppo Amaury , mostra rendimenti positivi in tutti i suoi canali di distribuzione. I suoi numeri di vendita sono aumentati del 4,8% tra gennaio e novembre 2012, mentre i suoi abbonamenti sono aumentati del 34,7% (anche se rappresentano solo il 3,5% della sua circolazione pagata in Francia). Ma anche le vendite digitali continuano a crescere, con quattro titoli che spiccano. Nel mese di novembre, quelli del “Mondo” hanno raggiunto 26.926 copie, quasi il 10% pagato circolazione al giorno alla sera. In termini assoluti, dopo “Les Echos” (10.655 copie), “Liberazione” (9945) e “Le Figaro” (8206).

Giannandrea Contieri

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome