Federconsumatori, aumenta il costo della scuola: come risparmiare

0
1635

Scuola, aumenta il prezzo dell’istruzione: secondo i dati diffusi da Federconsumatori la spesa media per il corredo è di 514 euro, + 1,5% rispetto al 2014. Stabili per la prima volta i costi di libri e dizionari, in media 531,70 euro per studente

Agosto, le vacanze entrano nel vivo ma si avvicina un appuntamento molto importante per le famiglie italiane. A settembre, infatti, bisogna provvedere all’acquisto di libri, quaderni e quant’altro occorre per il ritorno dei ragazzi a scuola. Ma vista la crisi che perdura ed i conseguenti budget familiari che si riducono, il materiale scolastico già inizia a fare la sua comparsa sugli scaffali delle cartolerie.

Nonostante le difficoltà economiche degli italiani, i prezzi degli articoli che compongono il corredo scolastico continuano ad aumentare, anche se di poco, facendo crescere la spesa complessiva fino ad essere quasi insostenibili per molti. Per poter meglio affrontare la spesa, molte famiglie cercheranno di “splamare” la spesa iniziando gli acquisti fin da subito, in maniera da spendere poco per volta.

A spiegare con chiarezza questi dati è stato, come ogni anno, l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che ha monitorato il costo dei materiali necessari agli alunni, registrando un aumento medio del +1,5%: la spesa media per tutto l’occorrente aumenterà dai 506,50 euro del 2014 a 514,00 quest’anno. Gli aumenti maggiori riguardano i prezzi di zaini, trolley, astucci e diari. In particolare, alcune marche, tornate in voga, hanno fatto lievitare i listini.

Come ogni anno, sono i libri di testo a pesare in maniera maggiore sul budget per la scuola. Va specificato che nel 2015 l’aumento dl prezzo è piuttosto frenato: il costo medio per libri e 2 dizionari è di 531,70 euro per studente, con un aumento pari allo 0,4% rispetto al 2014. La spesa sarà particolarmente elevata per gli studenti delle prime classi (prima media, prima superiore). Ad esempio, per la spesa di uno studente di prima media occorreranno quasi 1.000 euro (999,20 per la precisione), di cui 485,20 per libri e dizionari (+0,2% rispetto all’anno scorso).
Per uno studente di prima liceo, invece, bisognerà spendere in media 1.311,00 euro, di cui 797 per i testi e 4 dizionari. Sebbene la cifra resti comunque piuttosto alta, in questo caso si registra una lievissima diminuzione del costo, -0,2% rispetto al 2014.

“Nonostante l’aumento molto contenuto, le spese per i libri continuano a superare in molti casi i tetti di spesa fissati dal ministero: per questo invitiamo il Miur ad avviare controlli più severi sullo sforamento dei tetti di spesa che, soprattutto nei licei, vengono puntualmente superati”, dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti.
Tali spese mettono a dura prova i bilanci delle famiglie, già in forte crisi. Basti pensare che il loro potere di acquisto dal 2008 è diminuito di oltre il -13,4%.

È indispensabile adottare misure concrete che consentano alle famiglie di risparmiare e perciò Federconsumatori ha individuato tre punti d’azione che potrebbero venire incontro alle necessità delle famiglie:

  • Incentivare al massimo l’editoria elettronica (un dizionario online può costare anche 8 Euro)
  • Rendere disponibili in rete gli aggiornamenti per le nuove edizioni, senza obbligare l’alunno ad acquistare necessariamente un testo nuovo
  • Ampliare i prestiti dei testi da parte delle scuole

Federconsuamtori non si è limitata ad analizzare lo stato delle cose, anzi ha dedicato parte della relazione per fornire utili consigli per cercare di risparmiare qualcosina sulle spese. Per quel che concerne il corredo scolastico può essere d’aiuto:

  • Confrontare con attenzione i prezzi applicati nei diversi punti vendita
  • Si può risparmiare anche il 20‐30% approfittando delle promozioni che vengono messe in campo in questo periodo: dai kit scuola (zaino, astuccio e diario) a partire da 29,90 Euro, all’opportunità di ottenere degli sconti “rottamando” lo zaino dell’anno precedente
  • Per non andare a scuola con lo zaino dell’anno precedente, senza però comprarne uno nuovo, si può sempre decidere di scambiarlo con un amico o parente

Di certo molto utile sapere come risparmiare sul corredo, ma dai dati presi in esame prima si nota come siano i libri a costituire la voce di spesa più onerosa. Come fare allora per risparmiare?
Anche qui Federconsumatori offre qualche consiglio:

  • Approfittare delle bacheche (fisiche o online, specialmente sui social network) che consentono lo scambio o l’acquisto di libri usati
  • Ricercare le promozioni messe in campo da librerie e punti vendita che, ad esempio, offrono buoni sconto anche del 20% o un dizionario in omaggio
  • Acquistare i testi presso i numerosi mercatini dell’usato, che è possibile trovare anche su internet (facendo attenzione, però, alla questione delle edizioni aggiornate)
  • Ove possibile, prendere libri e dizionari in prestito presso biblioteche, associazioni o conoscenti
  • Acquistare la versione elettronica dei libri di narrativa, risparmiando fortemente sul prezzo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome