Facebook sperimenta i gruppi premium a pagamento

0
1442

Torna dopo essere stato sul banco degli imputati per lo scandalo Cambridge Analityca Marck Zuckemberg con un progetto pilota che sperimenta gruppi premium a pagamento. In passato il proprietario di Manlo Park aveva già parlato di privatizzare Facebook, eliminando la pubblicità e garantendo maggiore rispetto per la privacy. Il progetto pilota lanciato dal social coinvolge un piccolo numero di gruppi a pagamento dedicati ad argomenti vari, dalla cucina alla pulizia della casa, alla famiglia. Il costo dell’abbonamento per accedere ai contenuti esclusivi va da 4,99 a 29,99 dollari al mese . Il nuovo programma social ha l’obiettivo di creare club virtuali di utenti, oggi gratuiti, dedicati a vari argomenti.  Gli amministratori potranno raccogliere le sottoscrizioni attraverso Facebook che inizialmente non riceverà alcun compenso, almeno per il momento. Facebook sottolinea in un blog post  la richiesta di molti amministratori di guadagnare investendo di più sui gruppi, “in questo modo – spiega Alex Deve – , product manager di Facebook Groups, “Aiuteremo gli amministratori a offrire contenuti maggiori di qualità ai loro membri e continuare a investire nella loro comunità”. Gli amministratori potranno inoltre creare i sottogruppi con contenuti speciali. Per accedere al club l’utente deve già trovarsi nel gruppo di partenza. Gli amministratori  invieranno degli inviti come Planning Central Premium  a cui i clienti dovranno rispondere, dopo aver valutato l’adesione guardando le  schede del gruppo in anteprima. L’amministratore valuterà la domanda d’iscrizione dell’utente che dovrà pagare poi una tariffa mensile.  Gli abbonamenti saranno gestiti attraverso le applicazioni di Facebook per Ios e Android .  Oggi il social è completamente gratuito e la sperimentazione riguarda solo un’applicazione mobile di Facebook. Il nuovo progetto è stato creato per soddisfare gli sforzi degli amministratori che dedicano grande impegno e dedizione alla crescita della Community. Il piano di Facebook al momento è in fase sperimentale nel territorio americano, ma se dovesse avere successo il social network  lo attiverebbe in tutto il mondo . La sperimentazione riguarda solo una applicazione mobile di Facebook. Gli introiti potranno consentire agli admin di guadagnare denaro da  investire nei loro contenuti cosi da creare una nuova forma di monetizzazione e dall’ altra Facebook garantire ai suoi utenti nuovi valori.  Per questa fase di test è stato coinvolto anche  Declutter My Home, amministrato da Sandra Muller, che ha creato un gruppo in abbonamento con tariffa a 14,99 al mese e il gruppo the Grown and Flown Parents dedicato a temi per l’ammissione al college e alla pianificazione della spesa settimanale della famiglia attraverso Ios e Android, a 29,99 dollari mensili.  Declutter My home  condivide suggerimenti per organizzare il proprio appartamento utilizzando meglio gli spazi a disposizione.  Il gruppo in pochi anni ha creato una comunità di migliaia di persone sparse in tutto il mondo. ” Grazie alla creazione del sottogruppo a pagamento Organize Ma Home – Spiega Mueller –  potro’ ora proporre alla mia comunità strumenti interattivi, come ad esempio video tutorial, corsi di formazione, sfide di gruppo e sessioni di domande e risposte in diretta, mantenendo il gruppo originale come area dove ottenere consigli gratuitamente realizzati”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome