Editoria: Newsweek in crisi. licenziati direttore, responsabile delle notizie e giornalista

0
1092

Il direttore  della rivista statunitense  Newsweek, Bob Roe, il responsabile delle notizie Kenneth Li e la reporter Celeste Katz sono stati licenziati a causa di alcuni articoli pubblicati sul giornale. I tre giornalisti  sono stati accusati   di aver  condotto indagini sulla situazione finanziaria del gruppo editoriale. L’inchiesta,  ha rilevato un legame tra Media Group e l’Olivet University, università cristiana, istituita dal reverendo coreano David Jang. Secondo le indagini degli inquirenti, l’università Olivet chiedeva sgravi fiscali ai funzionari  statali per realizzare un nuovo campus a New York, offrendo in cambio pubblicità gratis sulla rivista al costo di 149.000 dollari.  Jhonatan Davis, cofondatore del New Week Media Group ha confessato  di avere  rapporti con l’ Olivet University, di cui sua moglie è presidente.   Le indagini al Gruppo sono cominciate lo scorso gennaio, l’ufficio del procuratore di Manhattan ha ordinato la perquisizione di 18 server del giornale. Un articolo pubblicato sul sito d’informazione Buzfeed incolpava il  Newsweek di aver truffato gli inserzionisti sulle pubblicità. Il giornale ha confessato di avere acquistato una percentuale di traffico sui loro siti ma ha  smentito la truffa. Dopo la pubblicazione dell’articolo molti inserzionisti hanno abbandonato il giornale e il gruppo editoriale  ha perso contratti pubblicitari milionari.  I giornalisti David  Sirota, Matthew  Cooper, Rachel Brody sono stati licenziati  perche’ coinvolti nell’inchiesta,  Etenne Uzac, cofondatore e presidente di Newsweek Media Group e sua moglie Miriam Kim, direttrice finanziaria del gruppo, hanno dato le dimissioni. Negli ultimi anni la società editoriale del Newsweek ha gravi problemi finanziari e ha accumulato centinaia di migliaia di dollari di debiti. Secondo il Newsweek Uzac e Jhonathan Davis, ingegnere informatico della rivista, devono al fisco rispettivamente 1,2 e 800 milioni di dollari.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome