Editoria: giornalista investigativo slovacco ucciso, il premier Fico: “autorità aprano inchiesta approfondita”

0
1516

Il giornalista investigativo slovacco Jan Kuciak è stato ucciso insieme alla sua fidanzata Martina Kusnirova a Velka Maka, a 65 chilometri da Bratislava. Secondo le indagini le vittime sono state assassinate  da un professionista con un solo colpo tra giovedì e domenica. Il giornalista è stato colpito al petto mentre la compagna è stata sparata alla testa. Le autorità sono state avvertite dai genitori della ragazza, che non riuscivano a contattare la figlia. La polizia slovacca   ha aperto  un indagine per omicidio. “Tutto sembra indicare che il duplice assassino sia legato al lavoro del reporter – ha dichiarato il comandante  della polizia Tibor Gaspar – per le indagini giornalistiche per frode fiscale.            La polizia fornirà protezione agli altri cronisti di Aktuality.sk”.  Il governo slovacco  ha offerto un milione  di euro  come ricompensa  a chiunque possa fornire informazioni utili sull’omicidio. Il giovane  reporter   stava conducendo un inchiesta su una truffa riguardante i fondi UE , in particolare su imprenditori e dirigenti legati al partito  socialdemocratico  Smer , del premier Robert Fico. L’indagine si era occupata degli affari dell’ imprenditore slovacco Miriam Kocner,assolto dalle accuse di frode fiscale  ed evasione,  che  nel 2017 aveva minacciato  il reporter di scavare nella sua vita privata e  screditarlo. La seconda pista  seguita dagli inquirenti slovacche ha indicato  come mandante dell’omicidio   l’’Ndrangheta  calabrese, tesi sostenuta  dal  collega di Juan Kuciat , Tom Nicholson sulle pagine del  Politico  “Fece progressi importanti su un’altra storia che aveva impegnato entrambi. Il trasferimento illegale di fondi strutturali europei e italiani residenti in Slovacchia , cui legami con l’Nndrangheta erano provati”.“Jan aveva messo in piedi una collaborazione con giornalisti italiani che potrebbero confermare le identità e i legami criminali degli italiani attivi in Slovacchia” in particolare “nell’est della Slovacchia dove io viaggiai nel 2015 e 2016 sulle loro tracce…ho ancora gli screenshot delle pagine face book in cui il loro capo esortava al voto per il  partito Smer. “Ma – spiega Nicholson – la criminalità organizzata slovacca non ha mai ucciso un giornalista , laddove le bande mafiose italiane non si sono mai fatte scrupoli in questo senso”. Il premier Fico ha convocato una riunione di emergenza con il ministro dell’Interno, della Giustizia e i massimi responsabili della Magistratura, il capo della polizia e i servizi segreti. Il capo del governo slovacco ha condannato duramente la vicenda e ha chiesto di aprire un indagine approfondita sull’omicidio . “Attacco senza precedenti alla libertà di stampa. Se la morte di Jan Kuciak risultasse legata alla sua attività giornalistica ci troveremmo di fronte ad un attacco senza precedenti alla libertà di stampa e alla democrazia in Slovacchia” . L’omicidio del giornalista è il primo caso  in Slovenia, un atto “ contro il giornalismo investigativo e contro i media liberi del paese – ha affermato il sindacato dei giornalisti della Slovacchia , lo Slovensky Syndikat Novinaron – chiediamo alle autorità di far rispettare la legge  e di indagare sull’omicidio di queste due persone . Basta attacchi contro i giornalisti”.  Ha espresso preoccupazione in un tweet  anche il presidente dell’euro parlamento Tajani. “La UE non può accettare  che un giornalista sia ucciso facendo il suo lavoro”. Chiedo alle autorità slovacche di aprire un inchiesta approfondita con il sostegno internazionale se necessario per Jan Kuciak”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome