Edicole, Innocenti (SNAG):”Riparto Fondo per l’editoria è occasione storica per il rilancio”

0
382

Soddisfazione da parte di SNAG Confcommercio per la ripartizione del fondo Fondo Straordinario per l’Editoria, di cui 15 milioni sono destinati ad un bonus per la rete di vendita delle edicole.
Il Presidente SNAG Andrea Innocenti dichiara: “Devo esprimere grande soddisfazione per la destinazione di una quota consistente del Fondo Straordinario per l’Editoria alla rete di vendita delle edicole. Devo ringraziare tutte le Istituzioni coinvolte ed in particolare il sottosegretario Moles e tutto il Dipartimento (con i quali abbiamo avuto un confronto estremante costruttivo e positivo) per aver dato seguito all’appello che lo SNAG insieme alle associazioni di categoria e a FIEG aveva rivolto al Governo.”
“Questi fondi sono un’occasione unica per sostenere l’accesso all’informazione e garantire alle rivendite sostenibilità economica e rilanciare la rete. Ovviamente saranno essenziali le modalità applicative del bonus per produrre effetti reali sulle edicole e garantire l’utilizzo di tutte le risorse stanziate. Sul punto mi auguro si possa aprire una tempestiva interlocuzione con il Dipartimento”.
“Ritengo un fatto storico che una quota di un fondo, nato per il settore editoriale, venga a noi diretto: un segnale importante di una nuova visione della filiera della stampa intensa, non come blocchi contrapposti in guerra permanente, ma una catena legata indissolubilmente la cui forza è data dalla resilienza dell’anello più debole, cioè le edicole”.
“Il lavoro di SNAG in questi anni è stato quello di ridurre la conflittualità e di aprire un dialogo costruttivo con gli altri anelli della filiera, cercando soluzioni condivise e comuni per dare valore alla filiera. Questo è un primo importantissimo risultato di questo nuovo modo di intendere i rapporti all’interno della filiera”.
“Il sostegno pubblico è essenziale per arginare il trend di chiusure di edicole e per promuoverne il rilancio, la modernizzazione e l’efficienza. La strada è giusta e con il Fondo Straordinario abbiamo l’occasione di porre un “altro tassello” per salvare la rete di vendita della stampa”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome