Diritto d’autore, la direttiva Bernier porrà fine al monopolio Siae

0
1017

Il ministero dei Beni culturali inserirà in legge di bilancio una proposta di modifica del decreto legislativo 15 marzo 2017 n. 35 che recepisce la direttiva Barnier e, insieme, dell’articolo 180 della legge 633 del 22 aprile 1941, ossia quello in cui sta scritto che «l’attività di intermediario è riservata in via esclusiva alla Società italiana degli autori ed editori». Il tema è legato al recepimento della Direttiva 2014/26/Ue sulla liberalizzazione del diritto d’autore. Un recepimento a lungo atteso e dibattuto in Parlamento e sui giornali, quest’anno arrivato e subito oggetto di una delicata trattativa tra Roma e Bruxelles, avendo quest’ultima chiesto modifiche alla prima impostazione che, attraverso il Dlgs 35, aveva inteso dare il ministro Dario Franceschini.
La Siae, non ha nessuna intenzione di mollare la presa sul monopolio in cui opera, e anzi punta a diventare “uno dei grandi player nelle aggregazioni, europee ed extra europee,” che si stanno formando tra le società di raccolta dei diritti d’autore. È quanto emerso chiaramente dall’audizione di Filippo Sugar, presidente della Società italiana autori ed editori, davanti alla commissione Cultura di Montecitorio. Per Sugar, “fuori dall’Italia il futuro è l’aggregazione”, “sia tra grandi poli che con le piccole società che danno da gestire il loro diritti a società più grandi, perché non riescono a essere competitive sotto la pressione della globalizzazione”. In questo scenario, il presidente della società si dà l’obbiettivo di essere “tra i protagonisti del mercato internazionale”. Target al quale si sta lavorando, ha indicato Sugar, riferendo di “discussioni aperte con la nuova società greca” omologa della Siae, di dialoghi “a Bruxelles con molti editori indipendenti non italiani, che vorrebbero affidare alla Siae i diritti di gestione dell’online”, e di trattative con “una delle tre grandi multinazionali” del settore che vorrebbe “affidare alcuni dei diritti dell’online” alla società italiana.

Di seguito il link da cui è possibile scaricare la registrazione dell’audizione del Presidente Filippo Sugar alla Camera http://webtv.camera.it/evento/11801

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome