Diffamazione. Chiesto risarcimento di 250 mila euro a cronista calabrese

0
938

giornalismoPaga o ti querelo». Mentre la Camera discute della nuova legge sulla stampa che rischia di imbavagliare ancora di più i giornalisti, con multe salate, rettifiche senza possibilità di controreplica, un diritto all’oblio su internet e social network che di fatto cancella il diritto di cronaca e nessun argine alle cosiddette «querele temerarie», quelle fatte apposta per intimidire i cronisti d’inchiesta, dalla Calabria arriva l’ennesima conferma di come la libertà di stampa in Italia sia in pericolo. Ad accusare il giornalista Claudio Cordova per un presunto articolo diffamatorio è un importante magistrato antimafia alle prese con una querelle giudiziaria con un colonnello dei carabinieri. Il procuratore, probabilmente infastidito perché la storia del processo è finita sui giornali, ha scritto al giovane giornalista reggino reo di aver pubblicato due articoli – uno sul sito Il Dispaccio, uno sul Quotidiano della Calabria – che ritiene diffamatori, ma senza spiegarne il perché. Le due lettere si concludono con una sorta di «ultimatum» (scaduto ieri), che recita: «Si diffida la signoria vostra – scrive il legale Riccardo Misaggi – a voler risarcire in solido il dottor Gerardo Dominijanni, entro e non oltre 15 giorni dal ricevimento della presente, la complessiva somma di 250mila euro. (…) Decorsi i termini suddetti, in assenza di suo riscontro, sarò costretto ad adire le vie giudiziali».
«Non è una querela penale, né un’azione civile», dice Cordova al Giornale, « si parla genericamente di “notizie tendenziose e lesive della reputazione”», ma leggendo i due articoli di diffamatorio non sembra esserci nulla. Ma in Calabria funziona così. Soprattutto finché non ci sarà una legge contro la diffamazione che tuteli i giornalisti.
Felice Manti
Il Giornale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome