Contributi editoria. Al vaglio la legge delega per riformare il settore

0
487
Certezze dei fondi ed una riforma, ecco le richieste al Governo del comparto dell'editoria

È in fase di disposizione da parte del dipartimento” di Palazzo Chigi “un disegno di legge delega per la ridefinizione del sostegno pubblico all’editoria, volto a sostenere il settore in un contesto di crisi ma anche a sviluppare nuovi processi e modelli imprenditoriali di produzione e di diffusione di informazione, incentivando l’innovazione dell’offerta informativa, in particolare nel campo digitale”. A dirlo è stato Pier Paolo Baretta, sottosegretario all’Economia, rispondendo nell’aula della Camera a una interpellanza di Scelta civica sui contributi pubblici all’editoria. “Uno dei punti della riforma è proprio quello di rendere più efficace il sostegno pubblico all’editoria, garantendo la certezza delle risorse destinare al settore dell’editoria per un determinato arco temporale – ha proseguito Baretta – A tal fine è prevista l’istituzione, presso la presidenza del Consiglio dei ministri, del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione, con durata quinquennale, nel quale affluiranno tutte le risorse statali destinate alle diverse forme di sostegno all’editoria quotidiana a periodica”. “Tra le finalità del Fondo – ha spiegato il sottosegretario – sono previsti, oltre a contributi diretti, la cui disciplina sarà parzialmente ridefinita, anche misure per il sostegno agli investimenti delle imprese editoriali, il finanziamento di progetti innovativi, nonché misure a sostegno di processi riorganizzazione e ristrutturazione delle imprese editoriali già costituite”.

fonte parz: formiche.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome