Centro produzioni Rai di Napoli, De Magistris scrive a Foa. La posizione M5S

0
2060

La crisi del centro di produzione Rai di Napoli fa muovere la politica. Prima il sindaco De Magistris e poi la senatrice Cinque Stelle Sabrina Ricciardi mettono sul tappeto la questione del rilancio industriale della Rai che rischia di colpire un’importante riferimento culturale e giornalistico della Campania e del Sud.

De Magistris ha inviato una lunga lettera al presidente della Rai, Marcello Foa, in cui scrive: “Sono a conoscenza della prossima approvazione del piano industriale della Rai che sembra prevedere il ridimensionamento delle produzioni e dell’organico, della storica sede della nostra Città”. E aggiunge: “Si tratterebbe, se confermate, di scelte aziendali assolutamente non condivisibili, frutto di una politica gestionale e di sviluppo che pone attenzione ad altre aree del nostro Paese, con gravissimo discapito della realta’ produttiva e culturale di Napoli e del Mezzogiorno. Ciò condurrebbe alla perdita di decine e decine di posti di lavoro, con gravi ricadute occupazionali anche nell’indotto della nostra Regione, territorio che già soffre e che paga un prezzo altissimo alla crisi economica”.

Infine la richiesa diretta a Foa: “Le chiedo a tal proposito, signor presidente, che il Centro di produzione Rai della nostra Città – che e’ patrimonio dell’intero Paese – riceva un impulso di serio e convinto sviluppo”.

Sul caso è intervenuta, sollecitata dall’interrogazione della senatrice di Forza Italia Alessandrina Lonardo,  anche la senatrice Cinque Stelle Ricciardi: “Seguiamo con grande attenzione la mobilitazione dei lavoratori Rai che chiedono il rilancio del Centro di produzione televisivo di Napoli e la difesa dei valori del servizio pubblico. Nei prossimi giorni – aggiunge Ricciardi –  sarà presentato il Piano Industriale per il rilancio della Rai. L’auspicio è che la più importante Azienda culturale del Paese rafforzi se stessa valorizzando la sua capacità produttiva soprattutto in quella parte del Paese, il Sud, che si è sempre contraddistinta per esprimere talento e creatività”.

E la conclusione: “Attendiamo quindi di conoscere dall’amministrazione delegato Fabrizio Salini quali nuove e più alte prospettive verrano date al Centro partenopeo e come verrà garantito, ed eventualmente implementato, il livello occupazionale. Serve un cambio di rotta deciso per non lasciare indietro una parte importante della produzione del servizio pubblico”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome