BOOM DI PUBBLICITÀ ISTITUZIONALE SULLE TV PRIVATE, BRICIOLE ALLA STAMPA (REPUBBLICA)

0
459

Investimenti più che triplicati per le tv e per quelle targate Mediaset in particolare. Giusto qualche spicciolo, per la carta stampata.

La tabella della Nielsen, pubblicata su ‘Repubblica’, mette a confronto l’utilizzo dei 2 milioni di euro a disposizione del dipartimento Editoria fatto negli ultimi tre mesi del governo Prodi, con il trend nello stesso periodo (gennaio-marzo 2009), quando il dipartimento è stato guidato da Mauro Masi. Ebbene, la presidenza di centrodestra ha incrementato del 237% (da 932 mila a 3 milioni 137 mila euro) gli investimenti a beneficio delle tv private, con azzeramento o quasi dell’investimento sulla carta stampata: da 369 mila euro del trimestre Prodi a 9 mila euro di quello berlusconiano, meno 98%.
A balzare agli occhi è soprattutto l’impennata dello stanziamento in favore di Canale5 (da 440 mila a oltre 2 milioni di euro), Italia1 (da 230 mila a 536 mila euro) e Rete 4 (da 163 a 253 mila).
«È in atto, da parte dei grandi investitori pubblicitari, uno spostamento dalla Rai e dalla stampa verso i canali Mediaset— spiega Paolo Gentiloni, responsabile Comunicazioni del Pd —. La cosa stupefacente è che lo spostamento viene anticipato dalla presidenza del Consiglio. Siamo ormai alla esibizione, al colmo del conflitto di interessi».
(Dalla rassegna stampa ccestudio.it)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome