Bando tv Serie A all’estero. La Lega vuole più soldi e più visibilità

0
794

calcioVendesi i diritti tv internazionali della Serie A. Da martedi’ 30 settembre – con la pubblicazione del bando di gara – il Campionato italiano e’ ufficialmente in vendita per il triennio 2015-18. L’assemblea di Lega ha infatti approvato all’unanimita’ il bando venerdi’ 26 settembre e ora finalmente se ne conoscono i particolari. Poche le novita’ rispetto al passato se non che i presidenti hanno chiesto garanzie sulla valorizzazione del Campionato da parte delle emittenti che compreranno i diritti tv della Serie A. In sostanza si cerca una maggiore penetrazione del campionato soprattutto su alcuni mercati, quindi sara’ dedicata “maggiore attenzione all’effettiva messa in onda delle partite – si legge in una nota della Lega – in maniera tale da garantire la giusta visibilita’ e valorizzazione del prodotto Serie A. L’assegnatario avra’ obblighi di informativa a Lega Serie A piu’ puntuali (sia pre, sia post messa in onda). In determinate aree (Stati Uniti/Canada, Sud America, Indonesia e MENA) la Lega avra’ il diritto di verificare direttamente l’effettiva distribuzione del prodotto Serie A, in modo che il campionato abbia una distribuzione effettiva, con tempi e modalita’ che lo valorizzino”. Ma soprattutto la Confindustria del calcio chiede all’advisor piu’ soldi. Anche se il bando non avra’ una base d’asta. E anche questo aumenta le incognite ma consente alla Lega maggiori margini di manovra. C’e’ tempo fino a mercoledi’ 15 ottobre per presentare le offerte in busta chiusa. Subito dopo, come promesso dal presidente della Lega, Maurizio Beretta, sara’ convocata una nuova assemblea per esaminarle.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome