Angelucci, proposta dal sapore amaro per salvare Il Tempo

0
390

Fnsi, Associazione Stampa Romana e Sindacato Giornalisti Abruzzesi commentano la proposta del gruppo Angelucci per Il Tempo: “Ha un sapore amaro per i dipendenti, il personale giornalistico sarebbe ridotto di 29 unità”

Tappa di grande importanza per la lunga crisi del Tempo. Sul tavolo dei commissari c’è la proposta per salvare il prestigioso quotidiano romano presentata dalla Finanziaria Tosinvest del gruppo Angelucci. Una buona notizia, almeno in parte visto che Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Associazione Stampa Romana e Sindacato Giornalisti Abruzzesi hanno spiegato in una nota congiunta che l’offerta avanzata dal gruppo, già impegnato in editoria con Libero, scaricherebbe la crisi sui giornalisti.

“La proposta – spiegano Fnsi, Asr e Sga – ha un sapore amaro per i dipendenti. Nella nuova società che subentrerebbe a Bonifaci sarebbero impiegati 15 colleghi e 1 poligrafico. Il personale giornalistico sarebbe ridotto di 29 unità.

Le associazioni raccontano di confidare “nella volontà dei commissari giudiziali e del giudice delegato della procedura concorsuale a ottenere il massimo risultato nella conservazione dei posti di lavoro”. Nonostante questo, concludono Fnsi, Asr e Sga, l’esito che si prefigura scaricherebbe i costi aziendali per ripartire tutto sulle spalle dei giornalisti con un fortissimo ridimensionamento produttivo e lavorativo del glorioso quotidiano di Piazza Colonna”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome