Agcom: Martusciello, Garantire il “pluralismo economico” sul web

0
448

“Garantire il pluralismo economico sul web promuovendo un mercato
caratterizzato da una efficace tutela della privacy volta a evitare pericolose
concentrazioni di potere da parte dei big players”. È quanto proposto dal
Commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Antonio
Martusciello intervenuto oggi sul tema dei big data e informazione durante il
workshop “La nuova disciplina sulla protezione dei dati personali e il ruolo
delle Autorità garanti” promosso dall’Università degli studi di Messina e dal
Corecom Sicilia.
“Grandi quantità di dati sono nelle mani di un numero limitato di soggetti i
quali hanno anche la facoltà di scegliere chi possa accedervi, spesso in cambio
di un’utilità economica”, ha spiegato Martusciello. Tali operatori sono però
anche “i mediatori di questi aggregati, ossia coloro i quali sono in grado di
analizzarne la portata. Due aspetti che assimilati possono concorrere a
realizzare una concentrazione di potere”. Gli effetti di questo processo, ha
aggiunto il Commissario, “non hanno però solo ripercussioni di carattere
strettamente economico ma possono incidere anche sui sistemi democratici,
in quanto il ‘controllore’ dei dati è capace di influenzare le decisioni dell’utente
e persino la sua autodeterminazione”.
Secondo Martusciello, tale processo avviene in modo quasi paradossale:
“l’impiego di tecnologie, che dovrebbero assicurare la massima terzietà,
rischia invece di tramutarsi in una discriminazione, inserendo addirittura gli
individui in specifiche categorie di marketing”.
“Dobbiamo però tenere in considerazione che al di sotto del digitale non ci
sono minerali o altre materie prime da sfruttare, ma persone e quindi il nostro
approccio deve essere necessariamente olistico, capace di garantire tutela
della persona e della concorrenza”, ha aggiunto il Commissario.
La soluzione allora per Martusciello è immaginare “un cambio radicale di
prospettiva: un mercato al servizio della privacy, in cui favorire un ‘pluralismo
economico’ anche sul web”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome